YouTube Red
Mytech

YouTube Red: Google sfida Netflix e Spotify (in un colpo solo)

Al via il nuovo servizio a pagamento del "Tubo". Permetterà di avere contenuti selezionati (senza pubblicità) e ascoltare musica illimitata in streaming

Si ventilava da tempo, ma ora è arrivata l’ufficialità: YouTube avrà anche la sua versione a pagamento. Si chiamerà YouTube Red, costerà 9,99 dollari al mese e permetterà a tutti gli abbonati (per il momento solo quelli statunitensi) di scegliere fra una ricca selezione di video e musica di qualità.

La domanda sorge spontanea: per quale motivo bisognerebbe sborsare quasi 10 dollari al mese per un servizio che è sempre stato gratuito?

In primo luogo perché all’interno di YouTube Red non confluirà tutto il mare magnum di video caricati dalla rete (quelli rimarranno sulla piattaforma standard) ma solo una serie di contenuti selezionati: i video realizzati da registi di fama internazionale, i cosiddetti YouTube Originals, alcuni video musicali in esclusiva, commedie, nonché film e serie Tv presenti su altre piattaforme.

In secondo luogo perché non ci sarà la pubblicità, per alcuni un fastidio quasi peggiore delle vespe durante un picnic d’estate.

Last but not least perché abbonandosi a YouTube Red gli utenti potranno avere accesso gratuito a YouTube Music, il servizio di Mountain View che offre musica illimitata in streaming.

In un solo colpo, dunque, Google piazzerebbe una stoccata sia al mondo dei nuovi broadcaster video, Netflix in testa, sia a tutti i servizi di streaming musicale (Spotify, Deezer, Apple Music, Tidal).

Quello dei contenuti a pagamento è un settore su cui si stanno concentrando le attenzioni di tutti i protagonisti del mondo digitale. Lo scorso anno fa notare una ricerca condotta da Mintel in Gran Bretagna, la spesa per l’acquisto di video on demand ha raggiunto e superato quella per i film in dvd, con alcune realtà - è il caso di Netflix - capaci di percentuali di crescita ben al di sopra del 50%.

Allo stato attuale, la pubblicità rappresenta la principale fonte di introiti di YouTube (circa 10 miliardi di dollari all’anno secondo e Marketer). Con l’avvento del nuovo canale a pagamento, questa almeno è la speranza di Google, il fatturato del servizio potrebbe compiere un deciso passo in avanti: si stima che se anche solo il 5% degli spettatori statunitensi di YouTube decidesse di abbonarsi a Red, nelle casse di Mountain View arriverebbe circa un miliardo di dollari in più.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti