Mytech

Xbox Music: Microsoft sfida iTunes (e Spotify)

Un servizio tutto nuovo per Xbox e dispositivi motorizzati Windows 8 (cellulari compresi) che consente l'accesso a un juke-box digitale di oltre 30 milioni di brani, acquistabili o scaricabili in streaming. Anche gratuitamente

Xbox Music

Prima un lettore musicale (Zune ) che non ha saputo minimamente scalfire il predominio dell’iPod, poi un supermercato delle canzoni che, pur migliorando le cose, non ha saputo lasciare il segno . Diciamo le cose come stanno: Microsoft non ha mai avuto un buon rapporto con la musica.

A Redmond sono convinti che sia arrivato il momento di una svolta radicale. E siccome il futuro, anzi il presente della musica online si chiama streaming ecco servita la novità: si chiama Xbox Music e non è solo il tentativo di Microsoft di avvicinarsi al mondo dei vari servizi per l’ascolto on demand – come Spotify  o Rdio - ma un vero e proprio hub per accorpare tutte le funzionalità di acquisto, "noleggio" e riproduzione musicale da dispositivi motorizzati Microsoft, fissi e mobili.

In pratica, sia i possessori di una console Xbox 360, sia gli utenti PC, laptop e tablet con sistema operativo Windows 8, sia infine gli utilizzatori di un telefonino Windows Phone 8 potranno accedere a un catalogo pressoché sterminato di tracce (circa 30 milioni, quasi 5 in più rispetto ad iTunes) secondo varie opzioni: lo streaming appunto, ma anche l’acquisto "permanente" di brani nonché la possibilità di sintonizzarsi su stazioni radio Internet sagomate sui propri gusti (un po' come fa Pandora).

Duplice la modalità di accesso al catalogo musicale in streaming: la prima, gratuita, sfrutta le inserzioni pubblicitarie (che compariranno ogni 15 minuti), la seconda a pagamento (Xbox Music Pass) comporta la sottoscrizione di una sorta di abbonamento da 9,99 dollari mensili. Per quanto riguarda invece l’acquisto "permanente" delle tracce (256kbps DRM-free) avverrà attraverso il classico metodo pay-per-song ben noto a tutti i frequentatori di iTunes.

Xbox Music farà il suo debutto domani, 16 ottobre, su Xbox 360, per poi arrivare (dal 26 ottobre) su tutti i dispositivi fissi e mobili con sistema operativo Windows 8 e Windows Phone 8 come player di riferimento (sostituirà in pratica Windows Media Player).

Più avanti dovrebbe esserci spazio anche per gli adattamenti per iOS e Android del servizio, ma non per una versione ad hoc per Windows 7 (e Windows Phone 7). Gli utenti Windows che non passeranno a "Otto", in pratica, dovranno accontentarsi di accedere al vecchio catalogo Zune senza godere degli aggiornamenti (streaming compreso) previsti da Xbox music.

Seguimi su Twitter: @TritaTech

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti