Videogiochi

Ni no Kuni, il gioco che sembra un film di animazione

Il videogame per PlayStation 3 esce dritto dalle mani dello Studio Ghibli, famoso per gli anime di Hayao Miyazaki

ni-no-kuni_0

Ni no Kuni - Un'immagine del gioco – Credits: Namco Bandai

È una questione di ore: il 31 gennaio Ni no Kuni: la minaccia della Strega Cinerea uscirà finalmente anche in Europa, dopo aver ammaliato il pubblico e la critica di Giappone e Nord America. L'attesa è grande: c'è aria di un rpg di gran classe che consentirà ai possessori della PlayStation 3 di godersi un'autentica gemma (Ni no Kuni esce solo per la console Sony; la versione per Nintendo DS resta un'esclusiva del mercato nipponico).
Ecco dunque i motivi di tanta attenzione.

Studio Ghibli
Uno dei due sviluppatori del gioco è l'imperatore del cinema d'animazione orientale, lo studio di produzione che da decenni sforna i capolavori di Hayao Miyazaki, titoli come La città incantata, Il mio vicino Totoro, La principessa Mononoke, Nausicaä della valle del vento e via di questo passo. Basta uno screenshot di Ni no Kuni per riconoscere al volo lo stile Ghibli e sono sufficienti pochi secondi di video per apprezzarne il consueto livello d'eccellenza.

Level-5
Il secondo sviluppatore è uno studio giapponese dal curriculum impressionate. Può vantare successoni come Dragon Quest IX e la serie del Professor Layton, cui si aggiunge quello che molti considerano uno dei migliori rpg di sempre: Dragon Quest VIII.

La storia di Oliver
Il protagonista è un ragazzino che ha appena perso la madre in un tragico incidente e che scopre qualcosa di straordinario: la sua bambola è in realtà una creatura fatata, che lo conduce in un universo parallelo dove, con l'aiuto della magia e di nuovi amici, potrà affrontare forze malvagie e ritrovare la sua mamma. È uno spunto narrativo molto promettente.

Joe Hisaishi
Il compositore della colonna sonora è un autentico pezzo grosso del settore. Ha infatti musicato quasi tutti i lungometraggi di Hayao Miyazaki e alcuni dei film più importanti di Takeshi Kitano, per esempio Dolls e Hana-bi. Oltre che da guardare, Ni no Kuni sarà una goduria pure da ascoltare.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti