Nintendo-E3-apertura
Videogiochi

Nintendo celebra Super Mario e scommette su Star Fox

Nell'evento in streaming alla vigilia dell'E3 di Los Angeles, la casa giapponese parla a lungo di trasformazione. Partendo sempre dalla sua tradizione

da Los Angeles 

Gli anni passano per tutti e Super Mario non può fare eccezione. Ne compie 30 nel 2015 e, in questo lungo arco di tempo, ha fatto compagnia a oltre 1 miliardo di persone. «In ognuno di noi c’è un ricordo legato a lui» dice Reggie Fils-Aime, presidente di Nintendo America, lanciando il sito Letssupermario.com. Qui chiunque potrà condividere un video celebrativo per omaggiare in modo personale l’idraulico baffuto. E, anche, per fare del bene. Per ogni contenuto caricato, la casa giapponese farà una donazione all’organizzazione benefica Operation Smile.

 

Si chiude così l’evento in streaming che sostituisce la tradizionale conferenza stampa al Nokia Theater (oggi Microsoft Theater) di Los Angeles, rito che a lungo ha rappresentato il calcio d’inizio dell’E3. Ma si cambia, anche per non morire diceva una vecchia canzone, e infatti Nintendo ripete come un ritornello la sua parola d’ordine: trasformazione. «Non smettiamo mai di evolverci» commenta Reggie. Che accenna alla Nx, la piattaforma in sviluppo nelle segrete stanze del palazzone bianco di Kyoto, ma poi si ferma: niente dettagli fino al 2016. Parla di dispositivi mobili e parchi tematici, delle tante svolte in corso.

È un’altra Nintendo, o almeno vuole percepirsi e raccontarsi come tale. Così, applica il refrain della trasformazione sin dall’apertura, quando Fils-Aime compare sullo schermo assieme a Iwata e Miyamoto in versione Muppet. Escono dal camerino, entrano in uno studio di registrazione, all’improvviso si mutano nei protagonisti di Star Fox Zero, previsto su Wii U per l’ultimo trimestre del 2015.

E3-StarFox-Nintendo

– Credits: Nintendo

È un gradito ritorno quello di Fox, Falco e compagni. Ed è Miyamoto, in carne e ossa stavolta, a raccontarli in un video girato all’esterno di un tempio a lui molto caro: «Volevamo un gioco ricco di elementi cinematografici in cui ognuno dei personaggi, divertenti animali caricaturizzati, avesse una storia unica. Il passo in avanti è l’uso del controller della Wii U: grazie ai suoi sensori, è come impugnare una cloche. Sollevandola, muovendola, sembra di pilotare un vero aereo. Il Nintendo 64 era complesso, bisognava utilizzare moltissimi pulsanti. Ora tutto è all’insegna della semplicità».

Trasformazione significa anche apertura, disponibilità alle contaminazioni. Ecco allora che Donkey Kong e Bowser saranno ospiti speciali di SuperChargers, l’ultimo capitolo della saga degli Skylanders. Un concorrente diretto degli amiibo, non solo in teoria. La soluzione trovata dagli sviluppatori è davvero intelligente: hanno una base rotante che li rende compatibili con il portale di Activision o amiibo a tutti gli effetti. Salvando al loro interno i progressi fatti su entrambi i software.

SSC_Donkey Kong

Nel corso dei 50 minuti del digital event, tra trailer e annunci c’è spazio per tantissimi titoli. Dalle battaglie intergalattiche di Xenoble Chronichles X (dicembre 2015) alle atmosfere coloratissime di Animal Crossing: amiibo festival (ultimo trimestre del 2015); da Mario Tennis: Ultra Smash (ultimo trimestre del 2015), fino all’imminente Yoshi’s Woolly World, in arrivo il 26 giugno. Il protagonista e il mondo su cui corre sono un inno alla morbidezza davvero piacevole da guardare. Inoltre, sempre con gli amiibo, sarà possibile creare curiosi ibridi: per esempio, usando quello di Super Mario, Yoshi assumerà in parte le sembianze dell’idraulico. Da segnalare invece, per 3DS, The Legend of Zelda: Tri Force Heroes, atteso per la fine 2015.

Ma ampio spazio e la chiusura, doverosa, è affidato a Super Mario Maker. L’uscita è prevista per l’11 settembre di quest’anno ed è una data che i fan del genere e del personaggio farebbero bene a segnare sul calendario. Il senso è costruire da zero i propri livelli e condividere le creazioni con gli amici. Non ci sono limiti: si può impilare un nemico sull’altro o metterne sott’acqua altri che in quell’ambiente non si erano mai visti. Nella confezione ci sarà un libro di circa 100 pagine che illustrerà le potenzialità del software e sarà disponibile un amiibo extra large di Mario in 8 bit che lo catapulterà in versione gigante sullo schermo e darà al tutto un piacevolissimo effetto rétro.   

Insomma, in attesa del nuovo hardware che sarà l’apice di questa trasformazione tanto evocata all’E3, Nintendo fa capire di non avere nessuna intenzione di disfarsi del suo bagaglio. Che l’eredità di cui è intrisa la sua cultura, ogni tanto forse spremuta all’eccesso, la aiuterà a scrivere la sua prossima pagina. Mario compie trent’anni. Dicono sia l’età più bella.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti