Videogiochi

Assassin's Creed IV, 10 cose da sapere

Il nuovo capitolo della saga ci porta in mezzo ai pirati nei Caraibi del XVIII secolo, fra arrembaggi e battaglie navali

assassin's creed IV black flag 10 cose

Un'immagine del gioco – Credits: Ubisoft

Una parola sola: pirati! Dopo aver liberato le colonie americane dal giogo degli inglesi e dei templari, la saga torna con un nuovo capitolo, Assassin's Creed IV: Black Flag, che cambia ancora una volta scenario e protagonista e ci scaraventa in mezzo a corsari, abbordaggi e barili di rum. Un mondo che ha sempre un fascino innegabile.

Disponibile per PS3 e Xbox 360 (ma in uscita a novembre anche per PC, Wii U, PS4 e Xbox One), AC IV arriva a un solo anno di distanza dal capitolo precedente, un lasso di tempo ristretto che aveva fatto sollevare qualche sopracciglio nel timore di un progetto affrettato, giusto per fare cassa.

E invece Black Flag (che abbiamo provato per Xbox 360 ) fa tesoro della lezione imparata con AC III, correggendo molte delle incertezze e delle decisioni sbagliate prese allora. I fan della saga possono aspettarsi un'avventura ampia ed eccitante, con diverse caratteristiche interessanti. Dopodiché, è anche vero che un rinnovamento sostanziale delle dinamiche di base, dopo anni e anni, non guasterebbe: sarà per la prossima volta.

Ecco intanto le 10 novità fondamentali di Assassin's Creed IV.


Il nuovo protagonista
Risponde al nome di Edward Kenway, un ex corsaro sotto la corona inglese passato a "libero professionista" della pirateria. È il padre di Haytham Kenway e quindi il nonno di Connor-Ratonhnhaké:ton di AC III, e ovviamente è un assassino.

I Caraibi
Ci troviamo sempre in zona continente americano, come in AC III, ma questa volta ci spostiamo al sole delle Antille e delle Bahamas nel bel mezzo dell'epoca d'oro della pirateria, all'inizio del XVIII secolo.

Un mondo aperto
AC III era un po' troppo lineare e pilotato: ai giocatori la cosa non era piaciuta molto, e allora quelli di Ubisoft hanno aumentato la libertà di movimento ed esplorazione.

Le città
Belli i Caraibi, ma che Assassin's Creed sarebbe senza strade e palazzi? Nel gioco ci sono tre città, Havana, Kingston e Nassau, dove indulgere nelle care vecchie abitudini – scalate acrobatiche, salti dai tetti, mimetizzazione nella folla, eccetera.

I luoghi
Il gioco include 50 ambienti da esplorare tra cui isole, villaggi di pescatori, giungle, rovine Maya e covi di pirati, oltre a decine di spiagge dove recuperare tesori o marinai appiedati da arruolare.

Si salpa
Una bella fetta del gioco (il 40% circa) è ambientata in mare, tra navigazione, battaglie e abbordaggi alle navi di passaggio. Si può anche nuotare sott'acqua per andare a caccia di pesce con l'arpione o esplorare relitti. Capita pure di incontrare squali e balene.

La nave
Edward è il capitano della Jackdaw, che guida nei mari dei Caraibi a caccia di velieri da predare. La nave è potenziabile nel corso del gioco, per esempio equipaggiando nuove armi, in modo da renderla più robusta ed efficiente in battaglia. Si possono inoltre arruolare nuovi membri della ciurma (anche perché durante gli scontri spesso ci restano secchi).

I combattimenti navali
Torna una delle novità più apprezzate di AC III, ma questa volta le battaglie in mare ricoprono un ruolo chiave e sono state rese più profonde e interessanti sotto il profilo tattico. Le fasi sono in sostanza due: cannoneggiamento a distanza e abbordaggio. L'uccisione del capitano avversario segna la conquista della nave.

I pirati vip
Come sempre nella saga, incontreremo vari personaggi storicamente esistiti. Se nei giochi con Ezio Auditore avevamo Leonardo e Machiavelli, qui gli ospiti speciali dritti dai libri di storia sono pirati come Calico Jack, Benjamin Hornigold, Anne Bonny e soprattutto Edward Teach, alias Barbanera, il re dei corsari.

Le armi
Oltre alle solite lame degli assassini, Edward ha la capacità di utilizzare due sciabole contemporaneamente e in più si porta sempre dietro quattro pistole a pietra focaia che può usare in combo con uccisioni multiple. L'arsenale comprende anche la cerbottana e il dardo con corda.

© Riproduzione Riservata

Commenti