• RSS
  • youtube
Home  -  Mytech  -  Videogiochi  -  PS4 vs Xbox One, 3 motivi per cui Sony (sulla carta) è in vantaggio

PS4 vs Xbox One, 3 motivi per cui Sony (sulla carta) è in vantaggio

Meno restrizioni di utilizzo, una potenza grafica superiore e un prezzo da urlo. La nuova PlayStation 4, sulla carta, ha già vinto il confronto con la nuova Xbox One. Ma la vera differenza la faranno i giochi

PS4 vs Xbox One, 3 motivi per cui Sony (sulla carta) è in vantaggio PS4 vs Xbox One, 3 motivi per cui Sony (sulla carta) è in vantaggio
Credits: Sony / Microsoft

Tag:  e3-2013 microsoft PlayStation 4 ps4 sony

di Fabio Deotto

Ecco come si condivide un gioco sulla PS4” dice uno dei due personaggi sullo schermo, tenendo in mano la custodia di un gioco della nuovissima console Sony, poi lentamente consegna il gioco nelle mani del secondo personaggio, il secondo personaggio ringrazia, e di punto in bianco Microsoft ha un’enorme gatta da pelare.

Quello descritto è un video che Sony ha pubblicato, con micidiale puntualità, poche ore dopo la presentazione ufficiale di PS4 (e Xbox One) all’E3 di Los Angeles. Avrebbe potuto imbastire una pubblicità comparativa senza esclusione di colpi, avrebbe potuto sottolineare tutti gli aspetti che rendono la nuova PS4 più conveniente rispetto alla console Microsoft, invece ha preferito optare per un infantile quanto efficace sberleffo.

Naturalmente, l’assenza di restrizioni nella condivisione di giochi non è il solo fiore all’occhiello della nuova creatura Sony. Esistono almeno tre motivi che, sulla carta, potrebbero favorire la “vittoria” di PS4 su Xbox One.

Hardware
Una delle maggiori sorprese è l’incredibile somiglianza che le due console presentano a livello di aspetto: un monolite squadrato bicolore (nero e grigioscuro). Ma che dire di quello che c’è all’interno? Anche a livello di specifiche hardware i due esemplari si rivelano piuttosto simili, fatta eccezione per il comparto RAM e GPU. A quanto pare, la nuova Xbox One farà uso di 8 giga di RAM DDR3, mentre PS4 sfrutterà 8 giga di RAM GDDR5, lo stesso tipo utilizzato per le schede grafiche PC. Digital Foundry ha analizzato nel dettaglio le specifiche hardware di PS4 e Xobx One, concludendo che la GPU montata da Sony garantirebbe una potenza grafica del 50% superiore rispetto a quella di Xbox One.

Libertà di utilizzo
Se Sony può permettersi di sbertucciare Microsoft con un video lungo una manciata di secondi, è per via dell’insolito rosario di restrizioni che la nuova Xbox One impone al videogiocatore. Innanzitutto, per funzionare la Xbox One dovrà essere connessa almeno una volta ogni 24 ore. Non solo, ogni sviluppatore potrà decidere di limitare la condivisione dei giochi acquistati con i propri amici (o la loro rivendita) introducendo blocchi che impediscano al titolo acquistato di girare su altre piattaforme.
Al contrario, nel presentare la nuova PS4, Sony ha voluto sottolineare come l’acquisto di un titolo PS4 dia al compratore facoltà di utilizzarlo quando vuole (con o senza connessione), dove vuole (nessun region limit) e all’occorrenza prestarlo o rivenderlo a chi desideri.

Prezzo
Stiamo parlando di console videoludiche, ragion per cui, al netto di ogni facile comparazione, il verdetto finale dipenderà soprattutto dalle prestazioni finali e dalla qualità dei giochi disponibili sulla piattaforma. Tuttavia, c’è un particolare che non può essere preso sottogamba, e che, considerato come sulla carta le prestazioni delle due console siano simili, potrebbe rivelarsi decisivo: il prezzo. Mentre Xbox One sarà disponibile a 499 dollari, la nuova PlayStation 4 si presenterà nei negozi con un prezzo di 100 dollari inferiore. Certo, bisogna considerare che Xbox viene venduta corredata di Kinect, mentre il Sony Move Controller verrà venduto separatamente. Ma è anche vero che è pieno di hardcore gamer che non vanno esattamente pazzi per i sensori di movimento. E si sa, sono quelli più disposti a svuotarsi le tasche per comprare videogiochi.

 
  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
Commenti

Speciali

Video Hot

    • I mille giorni di Matteo Renzi

      Dall'account twitter al sito internet passodopopasso.italia.it: la conferenza stampa del premier e la patologia dell'annuncite 

    • Il tesoretto di Cottarelli

      La spending review del commissario punta alla riduzione delle oltre 10 mila partecipate locali da cui possono arrivare 500 milioni già nel 2015. E, in tre anni, oltre 3 miliardi - I mille giorni di Renzi - E intanto è deflazione