LG W7 5
Mytech

Il vantaggi della Tv Oled spiegati da Lg

Nero, contrasto, spessori ridottissimi: ecco perché (anche in Italia) sempre più consumatori scelgono la via "organica". Nonostante il prezzo

I televisori non sono tutti uguali. E no, non è solo una questione di dimensioni. Mai come in questo momento è la tecnologia a fare la differenza, e lo si è capito una volta di più al recente CES di Las Vegas. Chi, come noi, è transitato fra gli stand della grande fiera americana dedicata all’elettronica di consumo, ha avuto la percezione netta di trovarsi davanti a un bivio: da un lato tutti quei produttori che continuano a credere nell’Lcd e nelle sue evoluzioni, dall’altro chi ha scelto un’altra via, quella dell’Oled.

A guidare la fazione dell’alternativa “organica” è Lg, la società che per prima ha creduto nel concetto di pixel autoilluminante, e presentatasi proprio alla kermesse statunitense con un nuovo top di gamma ribattezzato wallpaper (letteralmente "carta d parati") per via del suo spessore record di 2,57 millimetri.

 

Un mercato che cresce
Per la società coreana si tratta dell’ennesima scommessa in un settore che sta piano piano acquisendo margini molto importanti. Sono i numeri a parlare. In Italia la società ha appena tagliato il traguardo dei 50.000 pezzi venduti, un numero decisamente interessante se si tiene conto del valore medio del prodotto (nell’ordine di qualche migliaia di euro).

Da sottolineare pure l’abbrivio in termini di quote di mercato: nel 2016, rivelano gli analisti di Gfk, Lg si è accaparrata quasi la metà delle quote di mercato in valore nella fascia sopra i 1.750 euro con l’Italia a fare da capofila. "Il 4,2% degli Oled presenti in Europa è in Italia, nessun altro paese continentale può fare meglio, in questo momento", spiega a Panorama.it Paolo Sandri,  direttore home entertainment di LG Italia. Segno, forse, di una certa maturità del pubblico tricolore quanto a interesse e capace di comprendere il valore di un prodotto che sul piano tecnologico rappresenta un vero stacco con il passato.

Il vantaggio del nero "assoluto"
A vedere certe cifre non sorprende allora che anche altri marchi - dopo Lg - abbiano scelto di seguire la stessa strada. "È un attestato di fiducia su questa tecnologia", ci tiene a sottolineare Sandri. "Anche chi inizialmente criticava la nostra scelta si sta piano piano riredendo, forse perché ha capito che nessun pannello retroilluminato può garantire il contrasto infinito e il nero perfetto offerto dalle tv Oled. È un concetto abbastaza lineare: disporre di un pannello con pixel che non hanno bisogno di nessuna fonte di illuminazione alle spalle è ciò che insieme alla gradazione colore permette di creare l’immagine più vicina alla realtà. Se il pixel rimane accesso non è possibile avere un nero assoluto, sarà comunque una tonalità di grigio". 

Un oggetto che è (e resterà) di lusso
Tanta qualità ovviamente si paga - per il nuovo W7 Signature, giusto per fissare il limite superiore, i prezzi dovrebbero partire da circa 8.000 euro - ed è la stessa Lg ad ammetterlo. "Il tv Oled è un prodotto di lusso e come tale deve essere trattato. Crediamo che alla lunga questo sia un vantaggio anche per il consumatore: chi acquista un Oled sa di avere fra le mani un prodotto di valore che non si deprezza nel tempo".

Difficile, dunque, almeno nel breve periodo, sperare in ribassi. "Rispettiamo le logiche commerciali della concorrenza, ma crediamo che un oggetto del genere debba essere trattato con il giusto peso, anche In termini di spesa. Le operazioni commerciali, se ci saranno, rientreranno nell'ambito delle iniziative del trade; terminata la promozione, il prezzo tornerà al suo valore originario".

Chi volesse un’alternativa economica, potrà comunque dirottare le proprie attenzioni sulle più tradizionali Tv a cristalli liquidi. “Per risparmiare c'è sempre l'Lcd", conclude Sandri. "È un settore che ci vede ancora protagonisti insiema a molti concorrenti con prodotti comunque validi e in continuo sviluppo, per quanto basati su una tecnologia più vecchia, quello dello schermo retroilluminato".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Tv Oled: il prezzo vale la candela?

Ci vogliono circa 3000 euro per acquistare un televisore “organico”. Troppo? No, se si considera il livello delle tecnologie impiegate

Commenti