Mytech

Spotiamp, la reincarnazione di Winamp targata Spotify

Chi non si fosse ancora rassegnato all'addio di Winamp, può trovare sollievo in un nuovo software prodotto da Spotify che consente di ascoltare playlist con la storica interfaccia

Spotiamp

– Credits: Spotify

Per gli inguaribili nostalgici, per chi vorrebbe ancora chattare su MSN Messanger, cercare nuove band su MySpace e scaricare tonnellate di film da Napster, per tutta quell’inconsolabile torma che oggi piange sul feretro di Winamp , c’è un pacco regalo arrivato giusto in tempo per riempire lo spazio vuoto sotto l’albero.

Un ingegnere del team Spotify ha ideato Spotiamp , un client Spotify per Windows che consente a chi ancora non ha elaborato il lutto di ascoltare le playlist Spotify utilizzando un’interfaccia praticamente identica a quella di Winamp. La funzionalità è disponibile solo per gli utenti Premium (se non paghi dieci euro al mese, a quanto pare, non hai diritto a crogiolarti nella malinconia) e consente, tra le altre cose, di cercare brani, ascoltare playlist, utilizzare la funzionalità radio incorporata, riprodurre in shuffle la tua musica, trasmetterla a degli speaker compatibili con Shoutcast e, non ultimo, smanettare con l’intramontabile equalizzatore come se davvero sapessi cosa stai facendo.

Quest’ultimo aspetto è forse il più (o l’unico?) interessante, considerando che l’app Spotify per Windows non offre niente di simile per l’equalizzazione customizzata dei brani. Non bastasse, Spotiamp offre anche la possibilità di utilizzare tutti i vecchi plugin di visualizzazione.

Insomma, se per il funerale ufficiale di Winamp vi eravate vestiti di nero, una scusa per rimettervi in panciolle ce l’avete, e fra poco ne potreste avere una seconda. Pare infatti che Microsoft stia valutando di comprare Winamp da AOL . Non è chiaro per quale motivo a Redmond dovrebbe interessare un prodotto morto e quasi sepolto, che negli ultimi tempi perdeva utenti e popolarità come un colabrodo. Ma se proprio ci tenete, serbate le speranze, e consolatevi con Spotiamp.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti