Social

Twitter: 10 consigli per aumentare il numero di follower

Poche regole (ma essenziali) per migliorare la capacità di attrarre contatti

– Credits: Rosaura Ochoa @Flickr

Bene. Mi sono  iscritto a Twitter, e ora? Come faccio a farmi sentire senza fare la figura di quella particella di sodio che in un noto spot televisivo cercava disperatamente qualcuno con cui interagire?

Posto che siamo di fronte a una piattaforma che ognuno interpreta a suo modo (c’è chi lo usa in maniera pressoché passiva come fosse un feed RSS 2.0 e chi invece ne ha scoperto il suo lato più intimo e interattivo), quasi tutti gli iscritti a Twitter se lo sono chiesti almeno una volta nella vita: come fare per aumentare il numero dei follower?

Qui di seguito vi offriamo 10 suggerimenti che potranno tornarvi utili per aumentare la vostra platea (senza ricorrere a trucchetti farlocchi).

1. Dite qualcosa di interessante

È il primo (e per molti anche l’unico) comandamento da tenere presente per avere successo su Twitter. Una piattaforma che – lo abbiamo detto più volte - ama i contenuti forti, le battute argute, la capacità di condensare pensieri interessanti in poche parole. È l’essenza stessa del suo modello di comunicazione. Sforzatevi perciò di scrivere con l’occhio di chi dovrà (o vorrà) leggervi. Dopo un po’ vi verrà naturale cinguettare in modo intonato.

2. Twittate, twittate, twittate (ma senza esagerare)

Per una mera legge probabilistica è più facile che qualcuno si accorga di voi se fate sentire la vostra voce piuttosto che restando in silenzio. E in effetti una certa proporzionalità fra il numero di tweet e il numero di follower c’e sempre. Evitate però di sovraesporvi; il rischio del defollow è sempre dietro l’angolo. Come si dice in questi casi: parlate se avete qualcosa di interessante da dire, altrimenti state zitti.

3. Cercate (e seguite) la vostra natura

Insomma vi siete resi conto che non avete la popolarità di Jovanotti né quella di Valentino Rossi. La gente dovrà perciò “innamorarsi” di voi per quello che siete, o meglio per quelli che dite (chi mi ama mi segua, diceva qualcuno). Più facile che ciò accada se riuscirete a farvi notare come un appassionato – se non addirittura un guru – di una certa materia. Che siate fan di tecnologia, di fumetti, piuttosto che di musica rock o francobolli, l’importante è che chi vi legge riconosca in voi un determinato interesse. Meglio ancora se questo “sapere” sia chiarito fin dalla pagina del vostro profilo. Il che non significa essere monotematici. Potete anche parlare d’altro, non siete mica a una cena di lavoro

4. Seguite i "power user"

Per dirla con un gioco di parole: il vostro seguito dipende (anche) da chi seguite. Cercate perciò di capire quali sono – nel vostro specifico campo d’azione – i profili più autorevoli, sia per numero di follower, che per contributi e rispettabilità. Interagire con loro, ottenere un retweet o addirittura entrare nella sfera dei loro follower può costituire una leva formidabile per accrescere la vostra popolarità.

5.Seguite persone con i vostri stessi interessi

Nella vita reale come in quella online, è più facile creare legami con le persone che sono sulla nostra stessa lunghezza d’onda. È lo spirito su cui si fonda anche il concetto di community. Come fare per trovare le anime gemelle? La cosa più semplice è come detto seguire gli utenti più autorevoli nella vostra materia e i relativi follower, ma anche profili istituzionali e testate giornalistiche sono un'ottima base di partenza.

6. Viva i TT (ma non fatene una malattia)

Avete come l’impressione che ogni vostro tweet sia come un sassolino scagliato nell’oceano? Vero. Ma se cavalcate l’onda giusta potrete avere il vostro momento di popolarità globale. I TT, ovvero i trending topic, rappresentano un’istantanea formidabile per capire ciò che va per la maggiore in un determinato momento. Se vi piace vincere facile – come direbbe qualcuno – teneteli d’occhio e cercate di piazzare la zampata al momento giusto. Attenzione però a non fare la figura degli avvoltoi, di quelli che ogni occasione è buona per farsi vedere. I social network, si sa, sanno essere impietosi con i furbetti della Rete.

7. Twittate nelle ore calde

Gli studiosi del mondo digitale hanno fatto una TAC delle attività dei social network e hanno scoperto che la probabilità che un cinguettio sia più o meno visibile dipende (anche) dall’ora di pubblicazione. Il picco massimo di visibilità sarebbe a quanto pare fra le 13 e le 14, più o meno in concomitanza con la pausa pranzo, ma tutta la fascia che va dalle 10 alle 16 (quando cioè la maggior parte degli utenti è davanti a un PC) può definirsi “calda".

8. Siate gentili (anche con gli estranei)
Anche Twitter ha la sua netiquette. Fatta di relazioni e buone maniere. Non vi limitate a postare aggiornamenti di stato, quindi; cercate di coltivare le vostre relazioni, ritwittate le menzioni migliori. E non dimenticatevi che Twitter, a differenza di Facebook, è un social network aperto, in cui tutti vedono tutti.

9.  Il vostro nick? Portatelo ovunque

C’era un tempo in cui la nostra identità digitale era composta da tre soli voci: nome, telefono e indirizzo e mail. Ma i tempi sono cambiati. Se davvero volete che il mondo sappia della vostra nuova vita parallela dovete chiarirlo ogni qual volta lasciate tracce in Rete. Sia che si tratti di un blog, piuttosto che di un email non dimenticate di apporre in calce i riferimenti del vostro account Twitter.

10. Usate la tecnologia

Laddove non arriva l’occhio del padrone c’è sempre la tecnologia pronta correre in soccorso. Così se volete avere statistiche, analitiche o addirittura azioni automatizzate che vi consentano di migliorare la visuale sulla vostra platea avete solo l’imbarazzo della scelta. Volete ordinare ad esempio i vostri contatti per sapere chi sono i follower (e i following) più seguiti? Date un occhio a quello che vi offre Contaxio . Volete organizzarli in liste o decidere gli orari di pubblicazione dei vostri tweet? C'è Tweet Deck . Volete scoprire chi non vi segue più o sapere quali sono i profili più influenti?  Tweepi e Commun.it fanno al caso vostro.

Seguimi su Twitter: @TritaTech

© Riproduzione Riservata

Commenti