Social

Instagram è pronta a sfidare Vine. Ma le vere rivali sono Facebook e Twitter

In cinque mesi Vine ha ottenuto un successo insperato, ora anche Instagram sembra intenzionato a salire sul carrozzone del video-sharing con un servizio di video istantanei. Ma potrebbe non rivelarsi una buona scelta

Vine Insta

– Credits: East Georgia State College @ Flickr

A quanto pare, Instagram sta per lanciare una funzionalità video specificamente mirata a sfidare Vine, il servizio che consente di creare ed editare brevi sequenze di 6 secondi e che negli ultimi mesi è riuscito a contagiare 13 milioni di utenti. Secondo le indiscrezioni pervenute finora la novità verrà presentata domani nel quartiere generale di Facebook, in quello che dovrebbe essere un evento interamente incentrato su Instagram.

L’obiettivo di Instagram (e Facebook) sembra chiaro: dal momento che i video istantanei alla Vine hanno dimostrato di saper diventare virali, meglio salire sul carrozzone ora, piuttosto che aspettare di confezionare un prodotto più originale (e competitivo) arrivando tardi alla festa. Così, diversi analisti del settore sono pronti a scommettere che domani Instagram si presenterà con una nuova funzionalità video che consentirà agli utenti di creare, editare e postare video di una manciata di secondi (qualcuno parla di 5, altri di 10), che andranno a integrarsi nel flusso dei tradizionali contenuti Instagram.

Funzionerà? I numeri farebbero pensare di sì: dopotutto Instagram ha 100 milioni di attivissimi utenti, Vine “solo” 13. Il buon senso invece, suggerisce maggiore cautela: bisogna infatti considerare che Vine è una piattaforma interamente focalizzata sui contenuti video, mentre il successo di Instagram è basato totalmente sulle immagini. Difficile prevedere come gli utenti accoglieranno l’intrusione di contenuti video in un feed che sono abituati a far scorrere velocemente, senza doversi soffermare più di troppo su ogni immagine. Instagram potrebbe valutare di creare un servizio a sé stante, ma in quel caso dovrebbe trovare un modo di invogliare i suoi utenti a prediligere il nuovo prodotto a discapito di Vine, già massicciamente presente su iOS e Android.

L’impressione (diciamo pure certezza) è che dietro le quinte della supposta rivalità tra Instagram e Vine ci siano di fatto Facebook e Twitter, che stanno utilizzando i due servizi come armi per darsi battaglia in un settore, quello del photo e video-sharing, che non può essere lasciato scoperto. Il problema è che, ancora una volta, Facebook è quello che segue in scia, cosa che (ormai dovrebbe averlo imparato) tendenzialmente non paga. Almeno considerando i flop di Facebook Places (che seguiva la scia di Foursquare) e Poke (Snapchat), e le perplessità suscitate dall’ultimo plagio social, l’integrazione dell’hashtag (Twitter).

Rimane comunque una velata speranza che Instagram e Facebook domani cavino dal cilindro una novità autentica, capace di mettere in seria difficoltà Vine e Twitter. Se così non fosse, Vine ha già in programma una serie di nuove funzionalità che potrebbero lanciarla in volata.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Twitter lancia la rivoluzione video, ecco Vine

Con l'aggiunta dei tweet video, Twitter si avvicina di un passo all'obiettivo media platform. Da oggi si possono condividere clip da 6 secondi editati tramite Vine, la nuova app di Twitter

Commenti