Instageam cover 1
Social

Instagram, cosa cambia con i nuovi formati

Oltre che nel consueto layout quadrato, le foto possono ora essere pubblicate anche in modalità landscape. Ma c’è già chi storce il naso

Tutto è cambiato, nulla è cambiato. Instagram passa ai nuovi formati di immagine, e fra i suoi iscritti si scatena subito il dibattito fra favorevoli e contrari.

Sul piano squisitamente tecnico, la differenza è solo geometrica: al classico formato quadrato in stile Polaroid si aggiunge ora anche quello rettangolare, sia in orizzontale che in verticale. Una possibilità in più pensata probabilmente per tutti quei fotoamatori che non hanno tempo e voglia di ragionare sull’inquadratura. Si scatta e si pubblica, senza pensare troppo a ciò che starà dentro o fuori dal riquadro.

 

Ma per gli Instagrammer della prima ora si tratta di un compromesso difficile da digerire. Il formato rettangolare - sostengono i puristi dell’applicazione - snatura l’essenza del servizio, che finisce così per allinearsi a tutte i vari programmi di photosharing presenti in Rete.

Va detto che la nuova opzione (disponibile sia per le foto che i video) non va a sostituire il vecchio formato Polaroid ma rappresenta solo una possibilità in più concessa all’utente. Sarà quest’ultimo, in parole povere, a scegliere come pubblicare la propria foto, se in forma quadrata o nel nuovo layout rettangolare, cliccando sull’apposito tasto a due frecce posizionato sull’angolo sinistro dell’immagine.

Per Instagram, è evidente, è un cambaimento che va di pari passo con il dilagare degli smartphone extra-large, ormai quasi tutti omologati sul formato 16:9. Maggiore spazio a disposizione sullo schermo significa concedere agli utenti maggiorie possibilità di visualizzazione e in questo senso va pure l’altra grande novità della nuova versione del servizio, la possibilità di creare collage fotografici raggruppando fino a un massimo di 9 foto.

Novità anche sul fronte dell'editing: Instagram fa sapere di avere uniformato i filtri applicabili su foto e video, con la possibilità - anche per questi ultimi - di regolare l'intensità del fotoritocco.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti