video ringraz
Social

Facebook, tutto quello che c’è da sapere sui nuovi video di ringraziamento

Un nuovo tool consente di confezionare un video di 1 minuto con le foto di un particolare amico. L'ennesima mossa per ottenere condivisioni

Preparatevi, Facebook ha appena trovato un nuovo modo per spronare gli utenti a condividere contenuti, consolidare le interconnessioni tra contatti e, ahimè, inondarti il News Feed con tonnellate di video non richiesti. 

Utilizzando come scusa il giorno del Ringraziamento (che negli States cadrà il prossimo 27 novembre), Facebook ha lanciato un nuovo tool che consente di confezionare con pochi click un video dedicato a uno dei propri contatti.

Il tool funziona in maniera estremamente semplice: come prima cosa bisogna scegliere una persona dalla propria lista di contatti e indicare se si tratta di un amico di lunga data o di un semplice amico; bisogna poi scegliere, tra i post e le foto in cui tu e l’amico siete taggati, quelle più memorabili e importanti per il vostro rapporto; a quel punto il gioco è fatto: avete un video di ringraziamento lungo 1 minuto in cui le immagini e le frasi che avete scelto scorreranno accompagnate da uno dei soliti stornelli semi-folk tipici dei video di Facebook.

Questo tool ricorda da vicino i Look Back video lanciati nel 2013, che consentivano agli utenti di incorniciare in un filmato commemorativo tutti gli anni che avevano passato su Facebook. I Look Back video avevano sortito l’effetto voluto e l’operazione, dal punto di vista di Facebook, era stata un successo (200 milioni di visualizzazioni); lo stesso probabilmente accadrà per questi video di ringraziamento.

Per quanto dozzinali (i contenuti personalizzati vengono incastonati in template semplificati, identici per qualsiasi utente), i nuovi video di ringraziamento, se si sta attenti alla scelta delle immagini, possono risultare persino toccanti. Ho provato a testare il tool scegliendo un amico di lunga data che vive all’estero da anni, ho selezionato le foto più divertenti e significative, e il risultato mi ha quasi (quasi) commosso.

È perciò ragionevole ipotizzare che anche questi video si diffonderanno a macchia d’olio, e se davvero (come hanno anticipato alcuni), Facebook deciderà di introdurre altri template, come “Relazione complicata” e “Famiglia”, il gioco potrebbe farsi persino interessante.

Certo, rimane da capire per quale motivo gli utenti dovrebbere sentire il bisogno di creare un video così personale per poi condividerlo con centinaia di semi-sconosciuti. Ma siccome è quello che succede ogni giorno con le foto delle vacanze, dei propri bambini e delle proprie sbronze, probabilmente anche in questo caso l’esibizionismo l’avrà vinta sul buonsenso.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti