Social

Facebook: guerra alle bufale

Il social network invita gli utenti a segnalare contenuti "fake” per cercare di eliminare o almeno ridurre la loro circolazione

facebook-fake

Justin Sullivan/Getty Images

Spesso su Facebook circolano delle bufale: a partire dalla morte di un attore/cantante conosciuto fino ad arrivare alle false scoperte scientifiche.

Ora il social network cerca di arginare la circolazione di false notizie ("fake”) e, in una nota, avvisa gli utenti che possono segnalare questi contenuti quando li trovano sul social.

Le bufale comprendono anche le truffe (es. "Clicca qui per vincere una fornitura di caffé”) oppure le notizie assolutamente fuorvianti e false (es. "Un uomo avvista un dinosauro passeggiando in Utah”).

Spesso le persone, attirate da un titolo - esca, condividono questi post, per poi cancellarli una volta scoperto l'inganno. E spesso gli amici stessi di chi l'ha condiviso, avvertono del fake.

Per questo facebook ha deciso di aggiungere la possibilità di segnalare direttamente a loro, quando una storia risulta falsa o addirittura una truffa.


news-feed-fewer-hoaxes-report-a-story-as-false

In questo modo potrà essere controllato il News Feed e saranno ridotti al minimo i post fake. Inoltre sopra a ogni post sospetto la società di Menlo Park porrà questo messaggio: “secondo molte persone su Facebook questa storia contiene informazioni false”

news-feed-fewer-hoaxes-annotation-warning-many-have-reporter

Pur non essendo una funzione ancora visibile nella versione italiana, alcuni già sollevano dei dubbi sull'efficacia. In particolare, la possibilità di segnalare magari dei post che non ci piacciono (per contenuti o idee), ma che non sono affatto dei fake.

L'altro dubbio è sui post satirici che riportano notizie volutamente false (anche se in apparenza spossono essere verosimili).

Ma Facebbo, sempre nella nota, appare piuttosto tranquillo da questo punto di vista: dai loro test non risulta che gli utenti segnalino contenuti satirici o umoristici. "Quindi”, concludono, "su di loro questa novità non dovrebbe avere alcun effetto”.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti