Social

Facebook Graph Search sta arrivando, ecco come proteggersi da ricerche indesiderate

Negli USA è appena arrivato, in Italia approderà a breve, il Graph Search di Facebook si presenta come un buon strumento di ricerca social che però comporta nuovi rischi per la privacy. Ecco come prepararsi a evitarli

Graph Search arrivo

– Credits: Facebook

Ci sono voluti quasi sei mesi, ma alla fine a quanto pare ci siamo: Facebook ha ufficialmente reso disponibile Graph Search, il motore di ricerca social che promette di rendere ancora più facile fare emergere le connessioni con la propria rete di contatti. A partire dalla giornata di ieri, Graph Search è attivo per tutti gli utenti Facebook di madrelingua inglese , il che significa che a breve verrà resa disponibile anche la versione italiana, che avrà un nome un po’ meno accattivante: Ricerca tra le connessioni di Facebook .

Dopo questi ultimi mesi, forieri di prevedibili polemiche sulla privacy e altisonanti promesse sull’utilità del nuovo tool, attorno a Graph Search si sono create enormi aspettative. Anche chi non è interessato sapere quali sono i ristoranti più visitati dai loro contatti, o le band musicali più seguite, o scovare nuove persone a seconda dei loro interessi e la loro ubicazione geografica, è comunque curioso di vedere come il nuovo motore di ricerca impiegherà l'elaborazione del linguaggio naturale , l'apprendimento automatico , e soprattutto, se riuscirà o meno a impensierire lo statuario Google .

Ma prima di perdersi in simili speculazioni, se avete un account Facebook, forse è il caso di preoccuparsi di blindare tutti quei contenuti personali che credete sepolti nel vostro passato e che invece Graph Search potrebbe dissotterrare. 

Per prima cosa, andate sul vostro profilo Facebook e cliccate su “Informazioni”. Da questa sezione potrete controllare chi attualmente è in grado di accedere ai vostri dati personali (indirizzo di casa, curriculum lavorativo, situazione sentimentale etc.). Fate attenzione, se il filtro è regolato su “amici”, questo significa che i vostri dati saranno ricercabili anche da quei contatti che non rientrano tra i vostri amici Facebook, gli amici degli amici insomma. Scrollando verso il basso potrete poi intervenire sulle singole sezioni: musica, luoghi etc. Cliccando sul pulsante modifica in alto a destra in ogni riquadro, potrete decidere con chi condividere i vostri gusti musicali, i film che avete visto, i luoghi visitati, e soprattutto, le vostre liste di contatti.

Terminato questo passaggio, accedete alla sezione "Impostazioni sulla Privacy", che trovate nel menù a tendina che si apre cliccando sul simbolo dell'ingranaggio in alto a destra della homepage Facebook. Da questa sezione potrai modificare le impostazioni base sulla pubblicazione dei post, limitare il pubblico dei post pubblicati in passato e stabilire chi può trovarti su Facebook usando il tuo indirizzo email o la ricerca Facebook. Ma la funzionalità più importante, relativamente al discorso che stiamo facendo oggi, è la gestione del registro attività per intervenire sui singoli contenuti pubblicati da te o su quelli in cui sei stato taggato. Da qui è possibile rimuovere i tag indesiderati e, all’occorrenza, le foto che ti ritraggono e che non vorresti fossero viste.

D’accordo, ti sei comportato bene, hai dedicato un’ora del tuo tempo a fare pulizia dalla tua timeline, eppure ancora il lancio di Graph Search ti mette in agitazione. Se vuoi controllare che tutto sia andato come volevi tu, è sufficiente cliccare sul simbolo del lucchetto che trovi in alto a destra sulla homepage, poi su “Chi può vedere le mie cose?” e infine su “Vedi come”. In questo modo potrai esplorare il tuoi diario come un qualsiasi utente sconosciuto (ossia uno con cui non sei in contatto e con il quale non condividi nemmeno un amico) o come una persona in particolare tra i tuoi contatti. Prima di tornare a fare la tua solita vita social, ricorda: non basta nascondere una cosa dal diario per farla scomparire dalle ricerche e dalle Notizie Facebook, occorre modificarne le impostazioni di condivisione nel modo descritto sopra (oppure eliminarla).

Bene, ora sei pronto all’arrivo di Graph Search, e puoi stare relativamente tranquillo. Dico “relativamente” perchè quando si parla di privacy su Facebook è sempre bene dormire con un occhio aperto (tradotto: tieniti aggiornato sulle impostazioni sulla privacy, cambiano più velocemente dell’umore di un bipolare).

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Facebook, il Graph Search comincia a impensierire Google

Un rapporto Comscore rivela che sempre più gente fa ricerche web, ma sempre di meno utilizzano i motori tradizionali. Nel frattempo Facebook introduce un sistema per impedire di utilizzare Graph Search per lo stalking di minori

Facebook si fa il motore di ricerca, anzi il Graph Search

Il social network di Mark Zuckerberg si arricchisce di un nuovo sistema di ricerca interna per mettere ordine fra le connessioni degli utenti, comprese amicizie, foto e luoghi di interesse. E si allea con Bing, il search di Microsoft

Commenti