Social

Facebook: un algoritmo ti dirà se stai per diventare single

Ci risiamo: la nostra vita privata è monitorata dai social che, come se niente fosse, riescono anche a predire quando e se la tua relazione finirà

Ingram Publishing/Thinkstock/Getty Images

La nostra privacy, lo sappiamo, non esiste più sui social. Ma non pensavo si potesse arrivare a questo.

In pratica due studiosi (Jon Kleinberg, analista informatico alla Cornell University, e Lars Backstrom, ingegnere presso Facebook), che forse di tempo da perdere ne avevano moltissimo, si sono messi a studiare un algoritmo che dovrebbe riuscire a prevedere se il tuo partner è di passaggio o se, invece, è destinato a durare a lungo.

Tutto questo passa attraverso un complicato incrocio di interazioni dei tuoi amici e di quelli del tuo partner: non sto a tediarvi sui calcoli e sui grafici che lo determinano.

Mi soffermerei però su una riflessione: ma vi sembra possibile che Facebook possa prevedere, come un’assurda chiromante, la nostra vita di coppia?

Già la matematica è un concetto lontano dal gioco dei sentimenti, ma metterla su questo piano mi sembra davvero assurdo.

E poi: cosa interessa a Facebook di dove si trovi il nostro partner nella mappa delle nostre interazioni sociali? Non riesco proprio a capire lo scopo di questo illustrissimo studio (cliccate qui e guardate : i nostri rapporti sono ridotti a un lunghissimo reportage pieno di grafici e numeri. Mi viene male!).

Meglio usare un sano buonsenso.

Diciamo così: se fra i vostri amici avete anche il partner, per evitare di lasciarvi in tempo record evitate di fare gli “stupidini” con amici/amiche che il sopracitato compagno/a, in particolare, non conosce.

Altrimenti non ci vuole un algoritmo per dirci che durerà poco: lo sappiamo già con certezza.

Se siete furbi, evitate che il vostro partner sia fra i vostri amici, a meno che non sia una relazione già consolidata (ma anche in questo caso vi suggerirei di evitare).

Il web è un mondo virtuale dove i rapporti sono più liberi e, spesso, crollano le inibizioni: potreste rivelare un lato di voi che, forse, il vostro partner non conosce.

E potrebbe non piacergli.

© Riproduzione Riservata

Commenti