ChatSim
Social

Come usare WhatsApp all’estero (senza spendere follie)

Chattare oltre confine utilizzando hot spot, tariffe di roaming convenienti e SIM card speciali

Ma dove vai se la chat non ce l’hai? Diciamo la verità: WhatsApp, Facebook Messenger, Skype, Google Hangouts e tutte le altre applicazioni di Istant Messaging ci hanno semplificato la vita, ma ci hanno anche resi "schiavi" di un certo modo di comunicare. 

Ce ne accorgiamo soprattutto quando andiamo all’estero, magari senza un’adeguata tariffa di roaming. Nessun avviso, nessun messaggio, nessuna foto, niente di niente: d’un tratto il mondo sembra essersi dimenticato di noi, lasciandoci in un silenzio quasi surreale.

Eppure i sistemi per rimanere connessi anche fuori confine ci sono, e spesso sono tutt’altro che costosi. Qui di seguito le tre strade più pratiche (oltre che economiche) per chattare in terra straniera

1. Le reti Wi-Fi gratuite
Il metodo più banale per avere accesso a WhatsApp e a tutte le altre applicazioni che viaggiano sul Web anche all'estero sta ovviamente nella connessione a un hot-spot Wi-Fi gratuito. Hotel quindi, ma anche bar, ristoranti, luoghi di interesse. Un sistema molto semplice per trovare luoghi ed esercizi dotati di connettività Wi-Fi gratuita è quello di affidarsi ai motori di ricerca specializzati (WiFi gratis, Wefi, Hotspothaven, Jiwire), che di norma consentono di avere un elenco aggiornato dei luoghi più vicini ove è attivo un collegamento Internet partendo dalle coordinate geografiche inserite dall'utente o da una geolocalizzazione via smartphone.

Wi-Fi gratis: le cinque cose da sapere


Le opzioni di roaming degli operatori
Quasi tutti gli operatori hanno inserito fra le proprie opzioni tariffarie anche specifici piani (a tempo, o a consumo) per il collegamento a Internet anche dall’estero. Per chi ha necessità molto limitate (email, piccole sessioni di navigazione, WhatsApp o altre chat), il suggerimento è quello di buttarsi sulle opzioni più economiche. 

Per gli utenti Vodafone, il riferimento resta Smart Passport, la proposta che mette a disposizione 500 MB di traffico quotidiano verso Europa, Usa e Canada al costo di 3 euro al giorno, che diventano 6 euro (con 30 MB di Internet) negli altri Paesi.

Tre propone due offerte: Easy Pass (200 minuti e 500 MB a settimana verso UE, Svizzera, Stati Uniti, Canada, Cina, Hong Kong Australia, Israele e Sri Lanka al costo di 2 euro), e Internet Pass (100 MB per tre giorni verso tutti i Paesi serviti dalle reti degli operatori partner, al costo di 5 euro); nei Paesi in cui l'operatore è presente direttamente (Austria o UK ad esempio) è possibile inoltre avvalersi dell’ozpione 3 Easy Pass che permette di navigare e chiamare alle stesse tariffe utilizzate in patria con un sovrapprezzo di 30 centesimi per lo scatto alla risposta.

 

Più articolata la proposta Tim che prevede tre opzioni di roaming rispettivamente da 3 euro al giorno (Tim in viaggio Full con 25 MB di traffico verso Europa e stati Uniti), 5 euro al giorno (Tim in Viaggio Internet, con 50 MB di traffico verso Europa e Stati Uniti) e 25 euro (Tim in Viaggio Pass, 600 sms, 600 minuti di chiamate e 600 MB di dati da consumarsi entro dieci giorni).

Infine Wind. L’opzione attivabile da tutti gli utenti dell'operatore arancione si chiama All Inlusive Travel e prevede 50 MB di traffico Internet al giorno verso Europa e Stati Uniti al costo di 2,5 euro al giorno (5 euro per gli altri stati); solo per gli utenti Wind Magnum è presente una seconda opzione settimanale che mette sul piatto 250 MB di traffico dati (oltre che 150 minuti di chiamate e 150 sms) al prezzo di 10 euro.

3. Le SIM per chattare
ChatSim (precedentemente WhatSim) è la più celebre, ma l’offerta sembra destinata ad aumentare nei prossimi anni. Di cosa stiamo parlando? Di SIM card speciali che offrono un pacchetto di connettività utilizzabile quasi esclusivamente per chattare e scambiarsi messaggi multimediali. Al costo di 10 euro (canone base annuo) è possibile avere una schedina uguale in tutto e per tutto a quella che si inserisce nell'apposito slot SIM dello smartphone, con la differenza che qui gli euro vengono convertiti in crediti (nel caso di ChatSim 10 euro equivalgono a 2000 crediti) da utilizzare per chattare, condividere foto e video e all'occorenza effettuare chiamate su Ip con WhatsApp e qualsiasi applicazione di messaggistica istantanea.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti