Smartphone & Tablet

YotaPhone, lo smartphone con il secondo schermo e-ink è una (bella) realtà

L’innovativo dispositivo double-face sarà commercializzato in Russia e in Europa già a partire dal mese di dicembre. A un prezzo di 499 euro

– Credits: Yota Devices

Sembrava uno dei tanti prototipi destinati a rimanere nel cassetto delle "techimere" (le chimere del mondo hi-tech). E invece YotaPhone, l’innovativo smartphone double face – oltre al normale display LCD è provvisto di un secondo schermo posteriore con tecnologia e-Ink – ce l’ha fatta: diventerà prodotto di consumo. A darne notizia è l’azienda produttrice, la russa Yota Devices , facendo sapere che il dispositivo verrà lanciato inizialmente sul mercato domestico e altre quattro nazioni europee (Austria, Francia, Spagna e Germania) a un prezzo di 499 euro, per poi approdare all’inizio del prossimo anno, in altre 16 nazioni dell’area Europa/Medio Oriente.

SMARTPHONE O "KINDLE-PHONE"?
La dotazione dello YotaPhone comprende un processore dual–core da 1.7 GHz (Snapdragon S4), 2 GB di RAM, sistema operativo Android Jelly Bean 4.2.2, doppia fotocamera (quella anteriore è da 13 megapixel) e una batteria da 1800 mAh. Ma è ovviamente il sistema a doppio schermo LCD/e-ink (entrambi da 4.3 pollici) a fare notizia. Si tratta infatti di un escamotage che promette di rendere più riposante la visualizzazione di contenuti ricchi di testo - libri, quindi, ma anche giornali digitali e applicazioni text-based (social network in primis) – ma soprattutto di ridurre i consumi energetici: gli schermi con tecnologia a inchiostro elettronico, come ben sanno tutti i possessori di ebook reader, sono infatti molto meno energivori dei loro omologhi a cristalli liquidi. Basti pensare che uno YotaPhone promette un’autonomia di 50 ore ininterrotte in modalità lettura.

I VANTAGGI (E GLI SVANTAGGI) DELL'INCHIOSTRO DIGITALE
Il passaggio dei contenuti da uno schermo all’altro è senza soluzione di continuità, si legge sul sito: per molte applicazioni è sufficiente girare lo schermo per avere la corrispondente pagina “stampata” in inchiostro elettronico. Naturalmente, non tutte le app di Android sono al momento compatibili con questo sistema di conversione. Tuttavia, ci tengono a precisare i responsabili del progetto, qualsiasi schermata Lcd può essere visualizzata anche in e-ink attraverso uno screenshot (è sufficiente per questo uno swipe verso il basso).

SARA' IL NUOVO IPHONE?
Difficile che lo YotaPhone riesca a conquistarsi da subito uno spazio importante nel mercato, ipercompetitivo, degli smartphone di fascia alta. Di certo, si tratta di un dispositivo che può aprire la strada a tutta una serie di sviluppi molto interessanti dal punto di vista del form-factor design. I telefonini intelligenti – sembrano volerci dire i creatori di YotaPhone – sono ormai grandi abbastanza per poterci mostrare il loro personalissimo "lato B".

 
© Riproduzione Riservata

Commenti