Apertura Wind ok
Smartphone & Tablet

Wind, così rende la tecnologia più accessibile

L'operatore di telefonia propone una serie limitata (e ragionata) di accessori hi-tech per lo smartphone divisi in categorie semplici da capire

È affascinante la tecnologia, ma spesso può essere complicata e soprattutto troppo dispersiva. Intimorire. I meno esperti chiedono rassicurazioni, chiarezza e semplicità e, anche, qualcuno che possa dar loro una mano nella scelta del gadget più adatto. Da qui l’idea di Wind di proporre una serie di accessori che esaltino le doti del proprio smartphone e di metterli in vetrina divisi in quattro categorie molto intuitive: «smartwatch», ovvero gli orologi intelligenti; «music», per godersi al meglio i propri brani preferiti in cuffia o con gli amici;  «wellness», per avere cura del proprio corpo, monitorare l’attività fisica e i progressi fatti; «smart home», per sorvegliare o controllare la casa dal cellulare.

Niente di inedito. Anzi, di fatto, sono le quattro grandi direttrici, i solchi dentro i quali avanzano i progressi dell’hi-tech, che offrono alternative sovrabbondanti. Disordinate. L’operatore di tlc ha scelto di andare nella direzione opposta, di mettere ordine: ha selezionato sedici prodotti, quattro per categoria, garantendo sulla loro qualità e dando modo ai clienti di acquistarli direttamente on line, in un sito web ad hoc, oppure di toccarli con mano e provarli con l’aiuto di un esperto. A Roma, nel negozio di Largo Apollinaire, è stato infatti svelato un concept store che rende perfettamente l’idea di questo proposito di semplificazione e immediatezza nell’approccio ai nuovi prodotti.

 

«Wind» ha spiegato l’amministratore delegato Maximo Ibarra «non è solo un’azienda fornitrice di servizi e connettività, perché da oggi è ancora più vicina ai suoi clienti in veste di consulente nella scelta di una articolata serie di soluzioni tecnologicamente avanzate. Vogliamo sperimentare e far conoscere tutti gli innovativi prodotti digitali che ci guideranno nel futuro della nostra vita quotidiana».

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti