Smartphone & Tablet

Un computer su sei è un iPad

Se le vendite di PC continuano a crescere lo si deve soprattutto al fenomeno tablet. Che oggi ha in Apple il suo interprete di punta

iPad-mini-18

Secondo i dati appena pubblicati da Canalys , nell’ultimo trimestre del 2012 sono stati venduti nel mondo 134 milioni di computer. Di questi, 27 milioni sono iPad. Se la matematica non è un’opinione, ogni sei computer venduti uno è una tavoletta della Mela.

Aveva ragione Steve Jobs, dunque. L’iPad avrebbe segnato l’avvento dell’era del post-PC. Perché se oggi l’informatica casalinga è ancora un business in crescita (+12% nel 2012), lo si deve soprattutto al fenomeno dei tablet-PC, la cui crescita continua ad avanzare a percentuali bulgare (115 milioni i pezzi venduti lo scorso anno, contro i 67 del 2011).

È un segmento nel quale Apple non conosce rivali, ancorché nell’ultimo trimestre – per la prima volta dal 2010 – la società di Cupertino sia scesa sotto la soglia del 50%. Colpa del solito Android, il cui valore complessivo (sommando cioé tutti i tablet motorizzati Google) raggiunge ora il 46% del mercato, contro il 49% di Apple.

Ancora irrilevante, invece, l’impatto di Microsoft, accreditato del 3% dell'intero giro d'affari. Windows RT, la versione di Windows 8 ricucinata per il mondo tablet, per il momento sta deludendo le aspettative, anche quelle di Steve Ballmer . Secondo Tim Coulling, analista di Canalys, le prospettive del sistema operativo di Microsoft appaiono "desolanti", e obbligano di fatto la società di Redmond a un ridimensionamento delle prorpie ambizioni. Che passa dalla drastica riduzione dei prezzi delle licenze e – di conseguenza – dal taglio dei margini.

Se si considera l’intero comparto dei PC, Apple risulta il primo produttore mondiale. Sommando gli iPad ai Mac, la Mela raggiunge infatti il 20,1% di quote di mercato, quasi il doppio di HP, seconda con l’11,2% della torta. In caduta libera Dell, le cui vendite sono calate nell’ultimo quarto del 19%.

A questo punto il matrimonio con Microsoft – al momento ben più di un’ipotesi – appare l’unica vera ancora di salvezza per la società texana, un tempo regina del mercato e oggi sempre più avulsa dall'era del post-PC.

Seguimi su Twitter: @TritaTech

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti