iPhone Android Wear
Smartphone & Tablet

Gli smartwatch Android ora funzionano anche con iPhone

Gli orologi intelligenti con sistema operativo Google Wear potranno dialogare anche con i dispositivi iOS di Apple. Ma con alcune limitazioni

Scacco al Watch. Google vuole mettere in fuori gioco il freschissimo smartwatch di Apple puntando dritto al cuore dell’utenza di Cupertino, i possessori di iPhone.

Con l’ultimo aggiornamento del sistema operativo Android Wear, la grande G ha infatti creato un ponte (difficile dire ora quanto stabile sia) fra i suoi dispositivi indossabili - smartwatch in primis - e il Melafonino. È sufficiente un’app (Android Wear per iPhone) scaricabile da qualsiasi smartphone Apple di ultima generazione (iPhone 5 e successivi) per ricevere notifiche e altri servizi anche sugli orologi e i braccialetti intelligenti del robottino verde.

Per riuscire a mettere in contatto due mondi così distanti fra di loro , Google ha agito né più né meno come uno dei tanti sviluppatori Android che lavorano sulle applicazioni iOS, rispettando quindi le policy e le condizioni imposte da Apple alla sua comunità. Ciò non significa che i dispositivi Android Wear compatibili con iPhone riusciranno a fare tutto quello che è attualmente nella facoltà di un Apple Watch. Né tantomeno che potranno contare su tutto lo spettro di funzionalità disponibile verso i telefonini Android.

 

Tuttavia, fanno sapere da Mountain Wiew, si potranno utilizzare tutte le funzioni base di un smartwatch, dalle notifiche di chiamate e messaggi alle card di Google Now, dalle funzionalità di ricerca vocale al monitoraggio delle attività di fitness via Google Fit. Quanto alle applicazioni, Apple non sembra aver posto restrizioni circa le notifiche in mirroring, non sarà però possibile utilizzare le funzioni più profonde del sistema operativo di Apple (ad esempio Siri) per l’interazione con le stesse.

Con l’apertura al mondo Apple, Google spera di strappare quote di mercato ad Apple (secondo IDC al secondo posto assoluto per vendite di wearable, dopo Fitbit) offrendo ai consumatori un vasto assortimento di smartwatch e dispositivi indossabili a prezzi contenuti (o comunque più contenuti dell’Apple Watch). Per adesso sono però solo tre i device compatibili (Lg Watch Urbane, Huawei Watch e Asus ZenWatch 2), dal momento che la compatibilità non è stata estesa ai vecchi prodotti Wear.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Android Wear: 5 cose da sapere

I primi smartwatch arrivano anche in Italia: cosa è possibile fare, quanto costano e perché dovremmo aspettare i prossimi

Commenti