Smartphone & Tablet

Smartphone: 5 modi per aumentare la durata (e la longevità) della batteria

Vibrazione, notifiche, app in background, metodi di ricarica sbagliati, i dettagli che portano la batteria del tuo smartphone a perdere la sua capacità sono moltissimi. Per fortuna esistono diversi modi per prolungare la vita della tua batteria

Pila 9 volt

– Credits: Free Photo Fun @ Flickr

Le pareti del web sono lastricate di promesse, molte delle quali riguardano il futuro delle batterie per smartphone. C’è chi assicura di aver trovato il modo di mantenere sveglio un iPhone per tre giorni con una carica di 15 minuti , chi si spinge a promettere ricariche fulminee da 20 secondi , altri invece assicurano che il futuro consiste in schermi poco assetati di energia come quelli e-ink . Nel frattempo però il mio cellulare si scarica nel giro di mezza giornata e a volte sono costretto a girare con il caricatore in tasca.

Per fortuna, in mezzo a una montagna di nocive leggende metropolitane, esistono una serie di buone pratiche che possono aiutarti ad accudire come si deve la delicata e suscettibile batteria del tuo smartphone. Eccone alcune.

1. Fai a meno di quello che non serve
La connettività Wi-Fi ad esempio, quella GPS e quella Bluetooth. Quando non stai usando queste funzionalità la cosa migliore è disattivarle, poiché finiscono per assorbire energia inutilmente. Lo stesso vale per le app che vengono lasciate attive in background e per le notifiche inutili. È inoltre importante imparare a gestire bene lo schermo, regola la luminosità su un valore medio e mantieni basso il timeout dello schermo.

2. Usa app salva batteria
Se sei troppo pigro per occuparti di tutti gli aspetti descritti al punto 1, puoi sempre affidarti a una delle tante applicazioni disponibili nei vari App Store specificamente studiate per aiutarti a risparmiare carica e a occuparti della batteria del tuo smartphone come un bravo padrone. Ne esistono di vari tipi, ma tra tutte una delle migliori è JuiceDefender .

3. Attento a come lo carichi
Prima cosa, evita di lasciarlo scaricare del tutto, le batterie agli ioni di litio tendono a danneggiarsi se vengono lasciate scaricare del tutto. In secondo luogo, dimentica il dogma secondo cui la batteria debba essere lasciata scaricare per poi essere ricaricata al 100% (quello valeva per le batterie al nickel). La cosa migliore da fare è fare in modo che rimanga il più spesso possibile sopra la barra del 50%, concedendo uno “scaricamento” quasi completo una volta al mese . Se vuoi seguire questo punto in maniera maniacale, metti in carica il telefono prima che la batteria scenda sotto il 30% ed evita di caricarlo a più riprese di pochi minuti.

4. Mantienilo al fresco
No, il tuo smartphone non è una barretta di cioccolato, non rischia di squagliarsi sotto il sole di luglio, la sua batteria agli ioni di litio, però, il caldo lo tollera meno di un husky a Tijuana. A seconda della quantità di calore (e delle temperature) a cui la esponete, la batteria del vostro smartphone può perdere dal 6% al 35% della sua capacità massima . Hai presente tutte quelle volte che l’hai lasciato a rosolare insieme a te sul telo in spiaggia? Ecco.

5. Fai a meno della vibrazione
Per vibrare in modo sufficientemente rumoroso da essere udito o percepito contro la tua coscia, il tuo smartphone ha bisogno di parecchia energia, sicuramente molta di più di quella necessaria a riprodurre una suoneria. Perciò, se hai bisogno di silenziare il tuo telefonino, meglio prendersi la briga di tenere lo schermo sott’occhio.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti