Smartphone & Tablet

HomeSync: Samsung mette Android nel centro del salotto

Non è il solito media center, ma un dispositivo Android che permette fra le altre cose di utilizzare lo smartphone (o il tablet) per caricare, scaricare e gestire contenuti e servizi sul televisore, anche in cloud. Ecco come funziona

Chiariamolo subito. HomeSync non è il solito  “scatolotto” nero da piazzare sotto il televisore ma qualcosa di più. Si potrebbe quasi dire che nell’attesa di capire come sarà la fantomatica Apple Tv, qualcuno – sull’altra sponda del Pacifico – stia già lavorando sul concetto di tv sul cloud… ma questa è un’altra storia.

Limitiamoci per il momento a constatare che Samsung vuole portare Android nel bel mezzo del salotto di casa, consegnandogli le “chiavi” di tutta la nostra vita multimediale. In che modo? Attraverso uno scatolotto nero, sì, ma decisamente più evoluto dei tradizionali media center.

In buona sostanza: Samsung HomeSync è un hub dotato di disco fisso e presa di Rete che si collega alla Tv tramite cavo Hdmi e si associa a un dispositivo mobile (smartphone o tablet Samsung) tramite NFC. In questo modo la televisione si trasforma a tutti gli effetti in un centro multimediale basato su Android dal quale è possibile accedere a tutti principali contenuti e servizi multimediali: musica, video, servizi in streaming, giochi e applicazioni (compresi quelli di Google Play). Il tutto – e qui sta l’altra novità – gestibile in remoto direttamente da terminale mobile.

La prima versione del dispositivo si basa su un set top box da 1 terabyte con processore dual core da 1.7 GHz e sistema operativo Android (Jelly Bean); supporta fino a 8 account separati (ciascuno ovvero coi propri privilegi) in modo da consentire a tutti i componenti del nucleo familiare di caricare, scaricare e condividere i propri contenuti.

In questo video girato al recente Mobile World Congress di Barcellona, Paolo Castellini, Product Manager di Samsung Electronics Italia, ci spiega nel dettaglio come funziona.

Seguimi su Twitter: @TritaTech

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti