Smartphone & Tablet

Samsung Galaxy S5: tre motivi per comprarlo (e tre per non farlo)

Meno fumo, più sostanza: il nuovo portacolori della casa coreana punta dritto alle necessità degli utenti. Ma c'è chi si aspettava di più in termini di design e risoluzione

Lo smartphone più chiacchierato di questo primo scorcio di 2014 ha finalmente un volto. A mostrarcelo, ieri sera verso ora di cena, lo staff di Samsung al gran completo, in quello che è stato senza dubbio l'evento più importante del Mobile World Congress di Barcellona: la presentazione del nuovo Galaxy S5. Un annuncio in grande stile ma senza gli eccessi dello scorso anno, quasi a voler spiegare al mondo che quella degli effetti speciali fini a se stessi è stata solo una parentesi momentanea.

Le parole del Presidente e capo della divisione IT & Mobile Communications Division JK Shin non lasciano spazio a dubbi: "Con il Galaxy S5 vogliamo tornare alle basi focalizzondoci su quelle necessità che interessano ai nostri consumatori". Lo scroll e i video che si comandano con la sola imposizione dello sguardo possono attendere, insomma. Samsung ha bisogno di riportare il baricentro sulle funzioni chiave, dalla connettività alla batteria, dalla fotocamera alla sicurezza.

Operazione riuscita? Ciò che abbiamo visto finora non ci consente di tracciare un bilancio definitivo del restyling ma è comunque sufficiente per fornirci alcune impressioni significative dei punti di forza e di debolezza del terminale. Li abbiamo raccolti qui di seguito in una breve summa dei motivi che possono fare del Galaxy S5 un vero best seller e di quelli che invece potrebbero limitarne il successo.

SÌ: MIGLIORATO NELLE FUNZIONALITA' DI TUTTI I GIORNI
Scordatevi i giochi di prestigio del Galaxy S4. L'S5 è un cellulare tutta sostanza. Migliorato cioè soprattutto nelle funzionalità che condizionano l'esperienza di tutti i giorni: crescono la capacità della batteria (portata ora a 2800 mAh), la velocità e l'affidabilità del supporto alle reti veloci (c'è anche una funzione che permette di combinare il segnale Wi-Fi con quello LTE), la qualità della fotocamera (più generosa nella risoluzione e letteralmente bruciante nella messa a fuoco) e le risorse per la sicurezza. Su quest'ultimo fronte vale la pena sottolineare l'innesto di un lettore di impronte digitali per il blocco/sblocco del terminale: solo il tempo e l'utilizzo continuo ci dirà quanto vale, sia in termini assoluti che rispetto alle alternative offerte dalla concorrenza (e in particolare da Apple sul nuovo iPhone 5S). Di sicuro è da apprezzare la scelta di stringere una partnership con PayPal per abilitari i pagamenti elettronici con una semplice strisciata del polpastrello.

Galaxy-S5-12_emb8.jpg

SÌ: UNA GESTIONE INTELLIGENTE DELLA BATTERIA
Fra le feature introdotte sul nuovo Galaxy S5 ce n'è anche una - denominata Ultra Power Saving Mode - che permette di fatto di prolungare l'autonomia del terminale ben oltre la durata standard della batteria. Quando si attiva, in pratica, questa modalità esclude tutte le funzioni superflue (ad eccezione delle chiamate, dei messaggi e della navigazione su Internet) e porta lo schermo in bianco e nero. Un escamotage che potrebbe rivelarsi molto prezioso nel momento del bisogno: anche con una batteria residua al 10% - promette Samsung – il Galaxy S5 può garantire più di 20 ore di autonomia.

SÌ: UN VERO COMPAGNO PER IL FITNESS
Fra tutti i telefoni che ammiccano al mondo degli sportivi digitali, il Galxy S5 è probabilmente il più completo. L'aggiornamento di S-Health 3.0, l'applicazione proprietaria per la gestione degli allenamenti, rappresenta in questo senso un punto centrale della proposta del nuovo Android-phone coreano. Che ora fornisce agli utenti un strumento onnicomprensivo per monitorare tutti gli aspetti chiave della performance sportiva, dal conteggio dei passi alla gestione degli esercizi, fino alla misura del battito cardiaco. Il bello arriva poi con l'accoppiamento coi nuovi smartwatch della famiglia Gear, ma questa è un'altra storia.

Galaxy-S5-16_emb8.jpg

NO: NESSUNA RIVOLUZIONE STILISTICA
Se si esclude la cover posteriore realizzata in plastica “martellata”, il design del Galaxy S5 è pressoché identico a quello del Galaxy S4. Chi si attendeva una rivoluzione copernicana nella forma e nei materiali è rimasto quindi un po' deluso: il nuovo portacolori della casa coreana resta un terminale dalle linee piuttosto tradizionali realizzato con materiali prevalentemente plastici.

Galaxy-S5-14_emb8.jpg

NO: DISPLAY E RAM RIMANGONO AL PALO
A dispetto delle indicazioni della vigilia, il Galaxy S5 non è stato potenziato in tutte le principali sezioni hardware: risoluzione del display (1920 x 1080 pixel) e RAM (2 GB), per dire, sono sostanzialmente invariate rispetto al Galaxy S4. Se da un lato questo può risultare vantaggioso sul piano dei consumi, dall'altro potrebbe deludere tutti quegli utenti che amano i cellulari muscolosi.

IMPERMEABILE, PER MODO DI DIRE
Il Galaxy S5 esce di fabbrica con un sistema di protezione IP67, che tradotto in parole povere vuol dire capacità di resistere all'acqua. Questo non significa che il terminale sia completamente impermeabile (come ad esempio il Sony Xperia Z1). Un'immersione completa al mare o in piscina è infatti altamente sconsigliabile. A meno che non siate degli autentici temerari.

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti