Smartphone & Tablet

Samsung Galaxy S5: dalle custodie si capiscono tante cose…

In rete appaiono le foto di una nuova famiglia di cover destinate proprio al prossimo portacolori coreano. Ecco cosa ci dicono

– Credits: Trident (@MobileFun)

Il Samsung Galaxy S5 non ha ancora un volto ma c’è chi, attraverso piccole e grandi indiscrezioni, ne ha già tracciato un identikit ben preciso. Fra gli indizi che non sono sfuggiti ai vari cani da tartufo presenti sul Web c’è anche una nuova famiglia di cover realizzate da una società denominata Trident, destinate, a quanto pare, proprio al prossimo portacolori della casa coreana. Le custodie non lasciano intravedere alcun particolare fisico del Galaxy S5, ma dalle immagini e dalle specifiche tecniche si possono dedurre alcune caratteristiche:

1. Il Samsung Galaxy S5 sarà più largo del Galaxy S4
Sul sito britannico sul quale le cover vengono attualmente distribuite, non ci sono riferimenti dimensionali. Tuttavia basta fare un rapido raffronto fra le immagini dei modelli destinati al Galaxy S4 e quelli per Galaxy S5 per cogliere le differenze. Una su tutte: la sede della custodia per Galaxy S5 sembra essere leggermente più larga: forse per la presenza di un display maggiorato (5,2 pollici di diagonale)?

Accensione a sinistra, volume a destra
Da quel che si può vedere il pulsante “power” sarà situato in alto sulla sinistra, mentre i bottoni per la regolazione del volume saranno ancora sul fianco destro del telefono. Entrambe le custodie, inoltre, dispongono delle apposite sedi per l’ingresso di jack da 3,5 pollici e cavi Usb.

2. Il Samsung Galaxy S5 non avrà un lettore di impronte digitali sul retro
Sul retro delle cover non ci sono oblò o feritorie per altri componenti che non siano fotocamera, memoria flash e microfoni. Se davvero il Galaxy S5 avrà dunque un lettore di impronte digitali (come sostiene qualcuno), sarà dunque situato sul lato frontale, proprio come ha fatto Apple per il suo TouchID.

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Samsung Galaxy S5: per comandarlo useremo la testa

Il prossimo top di gamma della casa coreana potrebbe integrare una nuova serie di funzionalità per l’interazione “senza contatto”. Fra queste anche un’interfaccia capace di leggere i movimenti del capo

Commenti