Smartphone & Tablet

Samsung Galaxy Note 8, lo abbiamo provato e vi diciamo che…

Non è il solito rivale dell’iPad, ma un tablet nato per sviluppare tutta una nuova modalità di interazione in punta di pennino

– Credits: Samsung

Fra i dispositivi più interessanti esposti al recente Mobile World Congress, merita senza dubbio un sottolineatura il nuovo Samsung Galaxy Note 8, un tablet che non può essere liquidato come l’ennesima alternativa all’iPad in formato ristretto.

Per la casa coreana, ormai pare chiaro, l’obiettivo è decisamente più ambizioso: offrire un’esperienza utente più sofisticata, capace cioè di combinare i benefici di un’interfaccia utente multi-touch con quelli di un pennino capacitivo. Qualcosa già visto sugli altri dispositivi della gamma Note, certo, ma che sul Galaxy Note 8 sembra aver raggiunto la piena maturità.

Dal punto di vista tecnico, il nuovo Note 8 è un tablet Android basato su un display da 8 pollici (1280 x 800 pixel di risoluzione). Che fa delle personalizzazioni software il suo punto di forza. Samsung ha lavorato in particolare sulle feature che permettono di utilizzare il dispositivo in maniera più attiva. Come Dual View, un’opzione che permette di dividere lo schermo in due parti, per un’effettiva gestione multitasking delle applicazioni: significa, ad esempio, che è possibile guardare un video e controllare la posta elettronica contemporaneamente.

Ma il punto di forza del Galaxy Note 8 resta probabilmente il pennino "S-Pen", migliorato soprattutto per ciò che riguarda la sensibilità. Merito, fra le altre cose, di una tecnologia (Air View) che consente di interagire senza la necessità di contatto fisico con lo schermo. È sufficiente in pratica sfiorare il display con il pennino per visualizzare in anteprima video, email, immagini e appuntamenti su SPlanner.

Nel video, Paolo Castellini, Product Manager di Samsung Electronics Italia ci svela tutti i segreti del nuovo 8 pollici dell'azienda.

Seguimi su Twitter: @TritaTech

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Samsung Galaxy Note 2, l’importante è esagerare

Più grande (5,5 pollici), più veloce (arriva un processore quad-core), più longevo (grazie a una batteria maggiorata del 25%) e con un sistema operativo tutto nuovo (Android 4.1). Ecco come si presenta il nuovo modello over-size della casa coreana. Confermata la presenza del pennino capacitivo

Commenti