meizu m3 max 04
Smartphone & Tablet

Pazzi per i phablet: arriva Meizu M3 Max

La compagnia cinese sforna uno smartphone dietro l’altro. Tocca al nuovo 6 pollici super sottile con specifiche tecniche interessanti

Le anteprime dell’IFA di Berlino si sono concluse da qualche giorno ma il mondo della tecnologia mobile non si ferma. Sono, come spesso accade negli ultimi anni, le compagnie orientali le più attive a mostrare i muscoli per contrastare le big. Se siamo rimasti piacevolmente sorpresi dal rapporto qualità-prezzo dei nuovissimi Huawei Nova e Nova Plus, oggi tocca a Meizu, già in grado di sfornare terminali di spessore elevato, come il Pro 6.

Il brand di Zhuhai ha svelato M3 Max, primo prodotto dell’azienda con un display oversize, da 6 pollici. Dentro batte un cuore octa-core, con il processore MediaTek Helio P10 a 1.8 GHz, scheda video Mali-T860 e “solo” 3 GB di RAM. Non si tratta certo di delusione, ma per un dispositivo che arriverà nella seconda parte dell’anno ci aspettavano una dotazione hardware maggiore, visto che i competitor guardano già avanti (4 GB di RAM sarà il leitmotiv dei prossimi mesi).

 

Per fortuna il Meizu M3 Max si rifà con una memoria interna di ben 128 GB espandibile con microSD fino a 128 GB, fotocamera con sensore Sony IMX258 da 13 megapixel e dual LED flash, camera frontale da 5 megapixel e apertura f/2.0 per selfie allargati. Altro punto critico è la batteria, qui da 4.100 mAh, in teoria quanto basta per arrivare a fine serata, ma visto il pannello da 6 pollici e 450 nit, sarebbe stato apprezzato un upgrade maggiore.

Sull’unico pulsante fisico è integrato il lettore di impronte digitali in versione mTouch 2.1 ma qui manca il 3D press, che sinceramente sembra una tecnologia non così sfruttata come si prospettava. In Cina M3 Max, che a freddo pare essere una rivisitazione dell’M3 Note, arriverà entro settembre al cambio di 230 euro. Se il prezzo da noi dovesse mantenersi su tali cifre potremmo parlarne. A ridosso dei 300 ci sarebbe invece un ventaglio di scelta maggiore.

© Riproduzione Riservata

Commenti