Smartphone & Tablet

Panasonic, ecco il tablet 4K. Vi cambierà la vita (lavorativa)

All’Ifa di Berlino la casa giapponese mostra la prima tavoletta da 20 pollici con risoluzione quattro volte superiore al normale HD. Ecco come funziona e a chi si rivolge

Hiro Sakamoto, capo europeo del business informatico di Panasonic, con il nuovo Toughpad 4K UT-MB5

Si scrive Toughpad 4K UT-MB5 ma si legge come il primo tablet da 20 pollice con risoluzione 4K, ovvero quattro volte maggiore rispetto a un “normale” dispositivo ad alta definizione. A presentarlo è Panasonic, società che nel settore delle tavolette di nicchia (leggasi per il mercato professionale) sembra aver trovato la sua collocazione migliore.

Un oggetto che strizza l’occhio al mondo dell’architettura, della progettazione, del design ma anche delle vendite, del marketing e dei media. "Per i professionisti che lavorano in queste aree – promette Hiro Sakamoto, capo europeo del business informatico di Panasonic intervenuto ieri in occasione della presentazione ufficiale del dispositivo all'Ifa di Berlino - i tempi di lavoro potranno ridursi del 50%: il nuovo Toughpad 4K nasce infatti per tagliare tutta una serie di passaggi che oggi appesantisono il workflow. Tutto il processo di lavoro, dal progetto alla discusisione con il team, dalla presentazione al cliente fino all’approvazione, può essere portato a termine con un unico dispositivo".

Panasonic-4K-3-Medium_emb8.jpg

L’obiettivo di Panasonic è a ben vedere condivisibile: fuori dal mercato consumer c’è tutta una frangia di utenti che ha bisogno di un livello di dettaglio ben più elevato del classico Full HD. Per loro, e in particolare per quanti operano su immagini di grandi dimensioni, disegni A3, brochure e file multimediali, gli ingegneri della casa giapponese hanno messo a punto un display multitouch (fino a 10 dita) da 20 pollici e 230 pixel per pollice di risoluzione ottimizzato per il formato 15:10.

Ma, è bene precisarlo, non è solo questione di dimensioni e definizione. Il livello prestazionale è stato calibrato per fare del nuovo 4K UT-MB5 un vero PC di alto livello in formato portatile. Per rendersene conto basta leggere il tabellino tecnico del dispositivo (processore Intel Core i5 vPro, 8GB di memoria RAM e scheda grafica Nvidia GeForce, slot per card SD, lettore di smart card, connettività Usb 3.0, Ethernet HDMI slot per card SD) o dare un’occhiata al sistema operativo (Windows 8.1).

Ma il vero pezzo pregiato della dotazione è probabilmente Touch Pen, il pennino capacitivo (opzionale) utilizzabile per prendere note o effettuare schizzi e disegni direttamente sul tablet. Qualcosa di più del classico stilo ma un oggetto di precisione in grado di riconoscere ogni singolo pixel sullo schermo del tablet, di registrare l’inclinazione della penna e di interpretare oltre 2000 livelli diversi di pressione, assicurando la migliore corrispondenza fra disegno e scrittura a mano.

Panasonic-4K-2-Medium_emb8.jpg

Come tutta la gamma ToughPad di Panasonic anche il nuovo 4K UT-MB5 può definirsi a buon titolo un dispositivo rugged, ovvero corazzato. Questa volta, però l’opera di "blindatura" non ha comportato alcun tipo di appesantimento stilistico, anzi. Grazie all’impiego della fibra di vetro la casa giapponese è riuscita miracolosamente a far quadrare il rapporto ingombri peso: solo 12,5 millimetri di spessore per un peso complessivo di 2,3 Kg.

Panasonic Toughpad 4K UT-MB5 in versione Standard sarà disponibile da novembre 2013 al prezzo di 4.509 euro (Iva esclusa), ma il prezzo salirà a circa 4800 euro aggiungendo nella dotazione anche il pennino capacitivo. Più avanti ci sarà spazio anche per una versione più potente (Performance Model) pensata specificatamente per la progettazione CAD e per la simulazione 3D.

 
© Riproduzione Riservata

Commenti