OnePlus 5
Smartphone & Tablet

OnePlus 5 è ufficiale: le cose da sapere

Confermate le previsioni sul nuovo top di gamma che sfida Galaxy S8 e iPhone 7: ha la doppia fotocamera e una nuova estetica. Però costa tanto

Finalmente OnePlus ha svelato 5 il suo nuovo smartphone. Come ampiamente previsto, ha una doppia fotocamera, un design rinnovato rispetto al passato e una dotazione hardware all'avanguardia, anche meglio di quella dei diretti concorrenti che rispondono al nome di iPhone 7 Plus, Huawei P10 Plus e Samsung Galaxy S8.

Ecco le specifiche principali:

  • Display: 5,5 pollici Full HD Gorilla Glass 5
  • Processore: Snapdragon 835
  • Ram: 6GB/8GB
  • Scheda grafica: Adreno 540
  • Fotocamera posteriore: Sony IMX 398 (16 MP) + Sony IMX 371 (16 MP)
  • Fotocamera frontale: Sony IMX 350 (20 MP)
  • Storage: 64GB/128GB
  • Batteria: 3.300 mAh con Dash Charge
  • Connettività: LTE, Bluetooth 5.0, NFC, GPS

Come si presenta

Il design è un primo punto di rottura con il passato. OnePlus 5 è nettamente diverso dai predecessori perché si ispira a modelli più conosciuti, come l'iPhone, a sua volta imitato dai cinesi Meizu e Oppo. Questo potrebbe essere anche un punto a favore della compagnia, pronta a cogliere l'interesse dei più attenti alle forme sinuose e leggere e che vedevano nelle generazioni precedenti troppe spigolature e irregolarità.

 
Questa è la prima foto di OnePlus 5

Quanto è potente

Tanto, più della concorrenza. Lo Snadragon 835 fino a oggi era presente solo su Galaxy S8 e Sony Xperia XZ Premium. Huawei P10 ha un processore proprietario di simile portata, così come sarà il nuovo A11 di Apple ma al momento non ci sono paragoni. La RAM è oltre ogni aspettativa, fino a 8GB, che vuol dire gestione eccellente di tutti i task principali, compresa la Realtà Virtuale che prima o poi salirà anche a bordo di questo OnePlus 5.

La fotocamera eccelle

Sappiamo che il modulo fotografico è stato realizzato sotto la supervisione di DxOMark, che lavora per analizzare e classificare la qualità delle ottiche presenti su tutti gli smartphone più famosi. In attesa di metterlo seriamente alla prova, possiamo dire che i sensori Sony sono di ottima fattura e in grado di restituire scatti eccellenti con condizioni di luce accettabili, forse un pelino sotto con il buio, ma nella media del comparto.

OnePlus 5: tre motivi per comprarlo (e tre per non farlo)


Buoni anche i video pur mancando della stabilizzazione ottica che oramai è presente ovunque. Scelta opinabile che si compensa con il processo di elaborazione digitale, utile però solo durante la registrazione in FHD a 30fps. A livello estetico le due cam posteriori risultano un po' sporgenti ma con una cover tutto si risolve.

Il software (non) è tutto

Dalla sua OnePlus ha una vasta schiera di fan e appassionati, innamorati soprattutto della minimale personalizzazione di Android, che avvicina l'esperienza a quella dei Nexus e Pixel di Google. E come questi ultimi, la compagnia cinese promette aggiornamenti veloci e costanti, più dei brand popolari, anche se ad aprile ha già smesso di rilasciare update per OnePlus 2, uscito solo due anni fa. Per intenderci, l'ultimo iOS 10 si installa pure su iPhone 5, rilasciato nel 2012.

Conviene comprarlo?

La nota dolente è il prezzo: si parte dai 499 euro del modello con 6GB di RAM e 64GB di memoria (solo grigio) per finire ai 559 euro del nero con 8GB di RAM e 128GB di storage. A conti fatti, solo qualche decina in meno dei top di gamma venduti su Amazon. Ed è arrivata pure la versione Soft Gold.

Online il Galaxy S8 (non Plus) si aggira intorno ai 579 euro, il P10 di Huawei sui 490 euro, l'iPhone 7 128 GB più o meno 710 euro. Siamo in una fascia simile e prevalere a questi livelli non sarà semplice.

Cronologia dei Never Settle

OnePlus One, OnePlus 2, OnePlus 3, OnePlus 3T e…OnePlus 5! Che fine ha fatto il 4? Beh, è colpa della tetrafobia, ovvero della paura di molte nazioni orientali del numero 4.

OnePlus, compagnia cinese, non ha certo intenzione di rischiare proprio ora che le cose vanno così bene (il 3T è ancora un successo) e quindi ha deciso di non seguire la logica della numerazione, almeno non questa volta. Scaramanzia si, ma anche motivi tecnici.

Perché non si chiama OnePlus 4

Si passa direttamente alla quinta generazione, conseguenza delle tradizioni ma anche a fini stilistici. Il senso è questo: far capire alle persone che tra l’attuale modello e quello nuovo cambia davvero parecchio, in termini di potenza, design e, purtroppo, di prezzo.

© Riproduzione Riservata

Commenti