Smartphone & Tablet

Nokia Lumia 1020 fa foto come questa, basterà?

La fotocamera del nuovo Windows Phone finlandese strappa applausi. Ma quanti sapranno davvero apprezzarne le doti?

– Credits: Nokia

Quella che vedete qui sopra [qui l’originale a tutto schermo] è una foto scattata con il nuovo Lumia 1020. Bella vero? (Se pensate che sia un fake realizzato con una reflex, vi sbagliate di grosso, qui c’è pure il file coi metadati che dimostra che è tutta farina del sacco di Nokia).

E insomma, c’è poco da dire. Il nuovo smartphone della casa finlandese, presentato proprio questa settimana a New York , è senza dubbio il miglior telefono per chi ama la fotografia. Ma la domanda ora è un'altra: basta un super-obiettivo come quello montato sul Lumia 1020 per battere la concorrenza di mostri sacri come iPhone e Samsung Galaxy S4?

Per quel che mi riguarda potrei dirvi di sì. Sono quel genere di utente a cui piacciono le foto fatte con tutti i crismi. Ho una reflex certo, ma lo smartphone resta impagabile quando non ho tempo (e voglia) di portarmi appresso tutto il mio armamentario da foto-cinereporter. Così l’idea di avere sempre con me uno smartphone che mi permetta di ovviare alla mancanza di uno zoom ottico (41 megapixel di risoluzione sono più che sufficienti per fare un crop ravvicinato senza perdere dettagli), che sappia cavarsela in condizioni di bassa luminosità e che riesca a stabilizzare i miei video tremolanti, mi stuzzica parecchio.

Il problema è che io non sono un campione rappresentativo dell’utenza media. Se mi guardo intorno vedo persone che hanno un altro concetto di fotografia: che quando scattano non mettono a fuoco, che lasciano il flash in automatico, che non scaricano le foto sul PC (preferiscono intasare il rullino del proprio smartphone fino a farlo scoppiare), che ti guardano storto se parli di bilanciamento del bianco e ti parlano di anticoncezionali se chiedi loro del diaframma.

La verità è che siamo la generazione di quelli che scattano senza farsi troppe domande, di quelli che mostrano le foto agli amici direttamente dal display del telefonino, o tutt’al più le condividono su Facebook. La fotografia resta un mezzo per arrivare a immortalare il bello che abbiamo davanti, ma non ci curiamo troppo del perché e del per come sia possibile dare valore a uno scatto.

nokia_lumia_1020_resized_1_emb8.jpg

In questo senso, il rischio è che il Nokia Lumia 1020 rimanga un oggetto di nicchia, un device apprezzato solo da chi, come me, ha tempo, modo e passione per utilizzare quelle feature rubate al mondo fotografico.

Parlo di rischio perché in realtà il nuovo Lumia 1020 non è solo uno smartphone fotografico ma un oggetto che può competere alla pari con i vari iPhone, Galaxy S4, Lg Optimus G, BlackBerry Z10. Per qualità del display, fluidità dell’interfaccia utente, mappe e integrazione con il mondo Windows (c’è Office, non dimentichiamolo), siamo di fronte a un dispositivo che non ha nulla da invidiare alla concorrenza, anzi.

Certo non è il dispositivo perfetto. Il design non appare rivoluzionario, per dire, mancano certe applicazioni presenti su Android e iOS (le piattaforme che, per ovvie ragioni di diffusione, vengono scelti per prima dagli sviluppatori) e il sistema operativo – Windows Phone 8 – non presenta significativi miglioramenti rispetto alle versioni installate sui terminali precedenti.

Ma il problema non sta certo nella sostanza, ma altrove. Ad esempio nella capacità che avrà Nokia di convincere il consumatore che è arrivato il momento di lasciare la strada vecchia per la nuova. Starà al marketing della società, insomma, completare il buon lavoro fatto dagli ingegneri. Spiegando all'utente medio - e non al sottoscritto - che c'è almeno un buon motivo per rottamare un iPhone o un dispositivo Android per passare a un Lumia 1020.

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Nokia lancia il Camera Smartphone

Il nuovo modello Lumia 1020 mostrato al pubblico a New York in un evento mediatico mondiale ha un sensore da 41 megapixel che permette di effettuare scatti e catturare video ad altissima definizione. Riuscirà a far tornare grande la casa finlandese?

Commenti