Smartphone & Tablet

Il Nexus 7 non è più (solo) un tablet low-cost

Più leggero, più sottile, più veloce, con un display più definito e una nuova fotocamera: la seconda versione del tablet democratico di Google punta decisa sulla qualità

Come si fa a rendere ancora più appetibile un tablet che è universalmente riconosciuto come uno dei migliori esempi di rapporto qualità-prezzo? Ad esempio alzando il tasso tecnico del dispositivo senza appesantire troppo il costo per l'utente finale.

È con questa logica che Google (e Asus) hanno deciso di rimettere mano al progetto Nexus 7, il popolare tablet da 7 pollici lanciato lo scorso anno con il preciso compito di portare l’esperienza post-PC a un pubblico sempre più vasto di persone.

Il secondo capitolo della tavoletta compatta di Mountain View – svelato proprio ieri dal numero uno di Android Sundar Pichai – pur rappresentando un deciso passo avanti rispetto al suo predecessore rimane a tutti gli effetti un dispositivo low-cost: negli Stati Uniti costerà infatti 230 dollari, in pratica 30 dollari in più rispetto alla prima versione.

Un extra-budget che appare comunque più che giustificato viste le risorse spiegate. Il nuovo Nexus 7 si presenta infatti con un display tutto nuovo (1920 x 1200 pixel di risoluzione, per un totale di 323 PPI) che promette una migliore resistenza ai graffi e alle ditate, un processore quad-core (Qualcomm S4 Pro) con 2 GB di Ram, NFC, Wi-Fi 802.11n, Bluetooth 4.0, doppia fotocamera (anteriore da 1,2 megapixel, posteriore da 5) e altoparlanti “dual-stereo”.

Il tutto è stato racchiuso in un dispositivo più leggero (317 grammi, quasi 50 grammi in meno del primo Nexus 7), più sottile (8,65 millimetri invece di 10,45) e aggiornatissimo in termini di software. Sul nuovo Nexus 7 gira infatti l’ultima versione di Android – Jelly Bean 4.3 – una release che apporta alcuni specifici (sebbene poco sostanziali) miglioramenti sul piano della connettività, della grafica, delle funzionalità di dialing e del controllo utente (compreso quello parentale).

Batteria? Secondo le indicazioni fornite da Google, l’unità integrata all'interno del tablet garantirà 9 ore ininterrotte di riproduzione video (HD) e 10 ore di navigazione su Internet; e potrà essere ricaricata anche senza fili.

Il nuovo Nexus 7 arriverà dapprima negli Stati Uniti (il 30 luglio) e successivamente in Gran Bretagna, Germania, Giappone, Canada, Spagna, Francia, Australia e Corea del Sud. Due le versioni previste: solo Wi-Fi e Wi-Fi + LTE (quest’ultima però solo in una fase successiva). E in Italia? Per il momento non ci sono riferimenti espliciti, ma l’ipotesi più accreditata è che il tablet approdi nel nostro Paese a settembre (attraverso la distribuzione delle grandi catene di elettronica di consumo) a un prezzo di 229 euro.

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Android 4.3, cosa cambia? (Poco)

Google si prepara ad aggiornare Jelly Bean con una release intermedia che agirà soprattutto sul dialer e sulle impostazioni per la connettività. Ma la sostanza non cambia

Commenti