Lg G5
Smartphone & Tablet

Lg G5 SE (Smart Edition): un downgrade quasi indolore

Ha tutto quello che contraddistingue il modello originale (a parte processore e RAM). Ma a un prezzo decisamente più abbordabile

Telefonini “light”? Non è la prima volta che se ne parla. L’idea è nota: prendi uno smartphone di ottimo livello, possibilmente un top di gamma, alleggeriscilo delle sue funzioni più eclatanti e praticaci sopra un bello sconto; otterrai un modello magari meno attraente, ma di sicuro più appetibile dal punto di vista commerciale.

L’idea che sta alla base di questo nuovo Lg G5 SE (Smart Edition), però, è leggermente diversa. Anziché ricorrere alla solita sforbiciata pesante, la società coreana ha qui lavorato di fioretto, andando a scremare solo le risorse "nascoste". In pratica, a parte processore (Snapdragom 652 in luogo dell’820), GPU (Adreno 510 in luogo della 530) e RAM (3 GB anziché 4), questo nuovo G5 in formato ridotto è sostanzialmente identico al suo predecessore: stesso design, stesso display (Lcd IPS da 1440 x 2560 pixel), stessa fotocamera da 16 megapixel con obiettivo doppio (normale e grandangolare) e stessa batteria (2.800 mAh).

Garantita, inoltre, la possibilità di espandere il corredo del telefono attraverso l’innesto o il collegamento dei cosiddetti Lg Friends: tutti i moduli del G5 (ad eccezione del visore per la realtà virtuale) sono supportati.

 

A cambiare, e in modo anche piuttosto significativo, è invece il prezzo che passa dai 699 euro del G5 standars ai 499 euro del modello in versione Smart. Un downgrade quasi indolore, dunque, che di consente a Lg di essere più concorrenziale nella fascia media di mercato, laddove Huawei e gli altri produttori cinesi stanno dettando legge da qualche tempo. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

LG G5: cos'è il Magic Slot

Il prossimo smartphone della serie G avrà un ingresso a cui attaccare di tutto, anche visori per la realtà virtuale

Commenti