Keyssa_-Kiss-Connectivity_Share
Smartphone & Tablet

Kiss Connectivity, ecco come ci scambieremo interi film in pochi secondi

Keyssa è un nuovo chip che consente di trasferire gigabyte di file tra due dispositivi semplicemente facendoli toccare per qualche istante

Niente da fare, Tony Fadell si sta candidando a diventare il nuovo Re Mida del mondo hi-tech. Dopo aver varato uno dei prodotti più epocali dell’ultimo decennio (l’iPod), dopo essersi affrancato da Apple con un dispositivo su cui nessuno avrebbe scommesso un centesimo (il termostato smart Nest), ora si appresta a lanciare una nuova tecnologia dall’ambizione rivoluzionaria.

Keyssa è il nome della startup presieduta da Fadell che si sta impegnando a produrre un nuovo tipo di connettore che consentirebbe di trasferire file di grandi dimensioni tra due dispositivi in maniera pressapoco simultanea. Si tratta, in sostanza, di un chip che sfrutta onde radio ad alta frequenza (60 GHz) per trasferire dati tra due dispositivi semplicemente avvicinandoli. A sentire i colleghi di Fadell, questo piccolo connettore permetterebbe di trasferire un film in HD nel giro di pochi secondi.

Per la precisione, il primo prototipo di Keyssa assicura una velocità di trasferimento di 6 Gigabit al secondo, il che dovrebbe significare che per spostare, supponiamo, un file da 2 giga da un dispositivo a un altro, basterebbero poco meno di 3 secondi. Si tratta di una velocità estremamente elevata, se si considera che la tecnologia USB consente una velocità di trasferimento di 5 gigabit/secondo, mentre quella Wi-Fi ancora non supera gli 1,3 gigabit/secondo.

L’idea di Fadell e di Keyssa è quella di integrare questo tipo di chip in qualunque tipo di dispositivo, dai tablet, agli smartphone, ai laptop, alle smart-TV, in modo che il sistema di trasferimento dati possa essere reso semplice quanto far toccare due dispositivi. Non a caso, questo tipo di tecnologia è stata battezzata Kiss Connectivity (traducibile come: connettività col bacio).

A quanto pare, i chip Keyssa saranno disponibili sul mercato intorno a metà 2015 e, a giudicare dall’estetica dei dispositivi utilizzati nel video di presentazione, i primi modelli a integrare la Kiss Connettivity potrebbero proprio essere prodotti da Apple.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

L’internet dopo Internet, ecco cosa sono i mesh network

Mentre l'Internet tradizionale mostra la sua vulnerabilità, si fanno strada soluzioni alternative per garantire una Rete davvero libera e rispettosa della privacy. Fra tutte, spiccano i mesh network, reti comunitarie che si appoggiano unicamente sui telefonini degli utenti

Commenti