14940952354_a3c51c6512_b
Smartphone & Tablet

iPad Air 2? Più potente di un computer

Apple non ha rilasciato tutte le caratteristiche ufficiali del nuovo tablet ma i primi test mostrano spunti interessanti

Sono lontani i tempi in cui un tablet era solo un tablet e un computer solo un computer. Sembrano passati decenni e invece erano solo quatto anni fa quando Apple presentava al mondo il sui primo iPad, destinato a far storia. Se il mercato dei PC è in caduta verticale (- 6,1% nel 2014 secondo IDC) parte della colpa (o del merito) è dei tablet, capostipiti della ricerca alla mobilità senza rinunce, per un mondo che richiede sempre di più di essere produttivi ovunque, spesso lontani dalla scrivania.

Non giriamoci attorno: un tablet difficilmente potrà sostituire un portatile di fascia alta che, guardando i prezzi, può essere anche più conveniente. Di certo le ultime uscite dei grandi nomi della tecnologia hanno bruciato le tappe, dando del filo da torcere alle aziende che credevano di poter dormire sogni tranquilli, anzi di rosicchiare fette di mercato proprio dal calo dei computer fissi. L’ultimo sulla piazza, quell’iPad Air 2 presentato da Apple solo qualche giorno fa, sembra aver le carte in regola per rivaleggiare seriamente con i fratellastri maggiori.

Salto generazionale

Facciamo un riepilogo: l’iPad Air 2 è più sottile e leggero della versione precedente, meglio di un ultrabook, ha un processore più potente e una fotocamera migliore, molto vicina a quella dei moderni smartphone e superiore al sensore montato sulla maggior parte dei portatili. Extra interessanti, come il lettore di impronte digitali, lo rendono molto di più di un semplice tablet. A corredo di tutto un processore potente, l’A8X, che ha tre miliardi di transistor e una CPU a tre core, che vuol dire prestazioni molto vicine a quelle di un computer moderno.

Apple non ha cambiato di molto il design dell’iPad Air, a ragione visto il suo successo, mentre ne ha migliorato le caratteristiche tecniche, giustificando la nascita di un nuovo modello. Proprio il passaggio ad un processore a tre core è l’aggiornamento più importante effettuato dalla Mela sin dall’iPad 2 e iPhone 4S, quando Apple portò a due i “nuclei operativi” sui propri dispositivi.

Potenza e app

Il numero di transistor presenti sugli iPad Air 2 è comparabile a quello dei moderni computer desktop, come l’Haswell di Intel. Sebbene l’elevata quantità di transistor non significhi potenza maggiore, c’è una certa correlazione tra il loro numero e le performance. Come ha mostrato Ars Technica in alcuni suoi test (benchmark), le prestazioni dell’iPad Air 2 sono molto vicine a quelle di un MacBook Air da 13 pollici con processore i5-4250U dual-core, lanciato a metà del 2013. Ovviamente gli indici di Geekbench, su cui sono stati misurati i due dispositivi, non sono la verità assoluta ma quello che i risultati mostrano, nello specifico, è che navigare su internet o scrivere una mail su iPad Air 2 è praticamente la stessa cosa che farlo su MacBook Air.

Il discorso cambia se si vogliono compiere azioni che richiedono un ecosistema più ampio, come gestire programmi diversi o giocare in multiplayer in 3D; e anche per quanto riguarda quest’ultimo punto non è detto che le alternative non manchino: Fifa 15 su iPad Air 2 non sarà la stessa cosa che su computer o console, ma per aspettare il tram o il bus alla fermata può andare più che bene.

© Riproduzione Riservata

Commenti