Smartphone & Tablet

Il Samsung Galaxy S5 ha un display da favola

La risoluzione è la stessa del Galaxy S4. Ma per brillantezza, contrasto, colori ed efficienza energetica il nuovo portacolori della casa coreana si posizione almeno un gradino sopra il suo predecessore. Tutti i risultati del test approfondito firmato DisplayMate

Galaxy-S5-13

Ci siamo cascati anche noi. Dopo l’annuncio del nuovo Galaxy S5 abbiamo creduto che il display del nuovo smartphone di Samsung fosse pressoché identico a quello del suo predecessore. Colpa dell’ormai radicata abitudine di concentrarsi sul valore numerico nudo e crudo, spesso e volentieri causa di abbagli. Così dopo aver letto che il nuovo top di gamma della casa coreana era equipaggiato con un display Amoled da 5.2 pollici abbiamo dato per scontato che Samsung avesse preso buona parte dei pannelli provenienti dalle linee del Galaxy S4 per riciclarli anche sul suo nuovo Android-phone. E invece no. Già perché dopo aver esaminato a fondo le “carte” dell’S5 possiamo dire con certezza che la casa coreana ha svolto un lavoro intenso e minuzioso per migliorare lo schermo del suo nuovo portacolori. Con risultati – lo dicono alcuni test approfonditi condotti da alcuni siti specializzati – davvero sorprendenti.

OLTRE LA RISOLUZIONE
Partiamo dalle specifiche di base, dunque. Il Samsung Galaxy S5 utilizza come il suo predecessore un pannello Oled da 1920 x 1080 pixel di risoluzione, per una densità equivalente di 432 pixel per indice. Samsung, dunque, ha scelto di non andare oltre il Full HD (come invece si pensava inizialmente) preferendo concentrarsi su tutti quei piccoli e grandi particolari che – al di là della risoluzione – fanno di un display un buon display: riflettanza, luminosità, contrasto, colori e intensità, angolo di visuale e consumi energetici. DisplayMate ha analizzato nel dettaglio le prestazioni dello schermo del Galaxy S5 su una serie di voci chiave, scoprendo che in realtà il nuovo top di gamma del colosso asiatico ha prestazioni decisamente superiori sia rispetto al “vecchio” Galaxy S4 sia rispetto al più recente Galaxy Note 3.

LUMINOSITÀ
Secondo i test sul campo, il Samsung Galaxy S5 vanta una luminosità maggiore del 22% rispetto al Galaxy S4 e del 13% rispetto al Galaxy Note 3. Mediamente – sottolinea DisplayMate – il Galaxy S5 offre una luminanza di 400 cd/m2, comparabile o più alta di quella offerta di norma dai display LCD. Ancor più interessanti i risultati ottenuti settando la luminosità automatica: in ambienti ben illuminati (laddove è necessario avere uno spunto maggiore), il Galaxy S5 raggiunge valori prossimi ai 700 cd/m2, praticamente il 47% in più rispetto al Galaxy S4 e il 6% in più rispetto al Galaxy S4. Da notare fra le risorse la presenza di una nuova modalità Super Dimming che permette di abbassare la luminosità dello schermo fino a soli 2 cd/m2, una feature che può tornare utile in ambienti molto bui o allorquando non si vogliono affaticare gli occhi. Il tutto, senza sacrificare colore e qualità dell'immagine.

COLORI
Interessanti anche i risultati che arrivano sul fronte dei test cromatici. In modalità Cinema Mode (uno dei cinque set predefiniti dello schermo), il Galaxy S5 presenta – sempre secondo la prova firmata DisplayMate – i colori più accurati mai misurati su qualsiasi smartphone o tablet. Una lieve tendenza a saturare i colori e ad accentuare il contrasto non altera il valore di uno schermo che sembra fatto apposta per valorizzare la visione di film e foto su smartphone. Anche in modalità Professional Photo, spiega poi il sito, il display del Samsung Galaxy S5 offre un accuratezza del colore raramente riscontrabile su device di questo tipo, soprattutto per ciò che riguarda la calibrazione su Adobe RGB.

CONSUMI
A nobilitare lo score dello schermo del Galaxy S5 non sono solo luminosità e colore ma anche livello di contrasto, angolo di visuale e riflettanza. Soprattutto su questi due ultimi fronti, le prestazioni del nuovo top di gamma coreano si posizionano ai vertici assoluti, migliorando le già ottime prestazioni del Galaxy S4. "Nel complesso", sentenzia DisplayMate, "il Galaxy S5 è il miglior smartphone mai testato dal nostro staff".
Verrebbe da pensare, a questo punto, che l'alto spiegamento di forze finisca per penalizzare i consumi del telefono. E invece si scopre che il Galaxy S5 è ancora più efficiente del Galaxy S4 (il miglioramento dell’efficienza energetica è quantificato in un sonoro +27%). Un risultato decisamente sorprendente se si considera che il nuovo smartphone di Samsung è più grande (del 4%) e più luminoso (del 22%) rispetto al suo predecessore.

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti