Samsung_Galaxy_Note_Edge_Cover
Smartphone & Tablet

Il Samsung Galaxy 6 sarà leggero (dentro)

Per aumentare la velocità, il prossimo gioiellino coreano sarà scremato di molte applicazioni accessorie. Che comunque potranno essere scaricate

Meno fumo, più arrosto. Il Galaxy S6 sarà uno smartphone molto più essenziale e “pulito” dei suoi processori, soprattutto per quanto riguarda la parte software. Se con il Galaxy S4 e il Galaxy S5 Samsung aveva provato a ubriacare gli utenti con tutta una serie di funzionalità scoppiettanti (ma, per la verità, non sempre utili), per il suo prossimo portacolori la casa coreana ha infatti scelto un approccio più sobrio, simile per certi versi a quello dei terminali "Android stock".

 

Ciò significa che una buona fetta di applicazioni “accessorie” - pensiamo ad esempio Story Album, S Translator o S Voice - saranno eliminate dall’interfaccia proprietaria (TouchWiz). Chi le vorrà, spiega SamMobile, potrà comunque scaricarle dal supermarket delle applicazioni.

Nelle intenzioni di Samsung l'operazione dovrebbe dare al Galaxy S6 qualche cavallo in più per migliorare (leggasi velocizzare) l’esperienza d’uso. Per quanto attraenti, le applicazioni impiantate nelle interfacce custom rappresentano un layer intermedio che finisce spesso per appesantire le prestazioni di Android. L’opera di epurazione non dovrebbe comunque riguardare le app simbolo del mondo Galaxy, come S Health e Smart Stay.

Il nuovo Galaxy S6 dovrebbe essere svelato il prossimo mese di marzo in occasione del Mobile World Congress di Barcellona. Fra le novità attese il nuovo processore Exynos (realizzato internamente da Samsung), la nuova fotocamera e l’annuncio di una versione del telefono con secondo display ricurvo.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti