Smartphone & Tablet

Huawei Ascend Mate 7? Meglio dell'iPhone 6

Il produttore cinese si è superato con uno smartphone che eccelle in (quasi) tutti i settori. Apple è avvisata

– Credits: Elaborazione grafica @Connessioni

Mancano esattamente 24 ore alla presentazione del prossimo iPhone e, probabilmente, del primo smartwatch dell’azienda di Cupertino. 24 ore potrebbero bastare per mitigare tutti i dubbi su come sarà l’iPhone 6 e, ancora una volta, rimettere gli inseguitori in seconda linea, pronti a ritornare sui banchi per studiare le nuove mosse e cercare quantomeno di avvicinarsi alla Mela. Ma, e sarebbe anche qui una prima volta, 24 ore potrebbero non bastare per staccare così nettamente Samsung, HTC e compagnia bella; o almeno non così tanto come in precedenza.

L’iPhone è uno di quei prodotti che, seppur venga aggiornato di anno in anno, porta con sé sempre un sacco di “se” e “ma” che i competitor hanno imparato ad evitare in partenza. Un esempio? Nessun prodotto Apple ha ancora l’NFC, niente micro USB, nessuna parvenza di slot per microSD. E non raccontiamoci che sono elementi di cui si può fare a meno; la verità è che, pur di avere un iPhone o un iPad tra le mani, si tratta di opzioni di cui abbiamo “imparato” a fare a meno, per forza di cose.

Ecco allora che il marchio potrebbe non bastare più per portarsi a casa la felicità degli acquirenti, soprattutto quando le cifre di uno smartphone si avvicinano pericolosamente a quelle di un ultrabook, di un motorino cinquanta, di una Xbox One o PS4 complete di tanti giochi,  non a caso regali che, non solo i teenager, potrebbero preferire ad un dispositivo di lusso, che può essere sostituito da modelli più economici e ugualmente performanti. Come l’Ascend Mate 7 di Huawei.

Come è fatto

Chiamatelo smartphone, chiamatelo phablet, chiamatelo come vi pare.  Quello che conta per Huawei è che lo chiamiate “telefono più veloce al mondo”. Il titolo è di quelli da “non ci credo” eppure è così. L’estrema velocità è data da almeno due fattori: il tipo di connessione dati e la potenza del processore. Per il primo punto il lavoro è delegato al supporto alle reti LTE di Categoria 6, il che equivale ad una velocità di scambio dati pari a 300Mbps, ovvero 37,5 MB al secondo (considerando 8 bit in ogni byte), cifre mai viste su uno smartphone.

Poi c’è un processore octa-core Kirin 825 con quattro chip da 1.8 GHz e altri quattro da 1.3 GHz, roba da far girare qualsiasi operazione senza che vi sia il minimo intoppo o rallentamento. Scendendo poi nel dettaglio , l’Ascend Mate 7 ha il lettore di impronte digitali, posto sul retro, che potrebbe essere un vantaggio o meno, dipende da chi lo utilizza e una fotocamera da 13 megapixel (5 megapixel quella sul fronte). E quel prezzo: 499 euro per la versione da 16 GB, 599 euro per quella da 32 GB; non esattamente la metà dell’iPhone 6 ma ci siamo vicini.

Le differenze con l’iPhone 6

Siamo sempre nel campo delle ipotesi, magari domani Apple ci stupirà. Ma in mancanza di qualche colpo di testa di Tim Cook, cerchiamo di capire perché l’Ascend Mate 7 è già meglio del prossimo iPhone. Non possiamo non partire dai difetti annunciati in precedenza quindi: mancanza di NFC, slot MicroSD e ingresso standard micro USB. Sotto la scocca le differenza tra i processori non mancano. Supposto che l’iPhone 6 sarà dotato di un processore A8, Apple vanterà il supporto ai 64 Bit, una GPU (scheda grafica) più veloce e una versione più recente di DirectX e OpenGL; mentre il Kirin 825 ha una velocità del processore CPU più alta (4 x 1.8 + 4 x 1.3) e usa la tecnologia big.Little che permette di equilibrare la potenza dei core per un uso più ponderato della batteria, vero tallone d’Achille degli iPhone.

La sfida sul display è tutta da giocare. Se Apple presenterà solo un modello da 4.7 pollici, saremmo ancora indietro rispetto a ciò che si vede sul mercato. L’Ascend Mate 7 ha uno schermo da 6 pollici (forse troppi) con una risoluzione esagerata: 1080 x 1920 pixel, tanti in confronto ai probabili 640 x 1136 dell’iPhone 6. Tornando alla batteria, se Huawei può contare su un modello da 4100 mAh, Apple dovrebbe mantenersi sui 1810 mAh; sembra una differenza troppo marcata ma bisogna considerare il più alto consumo energetico richiesto dallo schermo dell’Ascend; alla fine il vantaggio per Huawei c’è, ma non così netto.

Ultima chicca, la radio FM. In tempi in cui la connessione dati va via che è una bellezza, persino per navigare su Facebook , doversi rifare alle app per lo streaming radio, per di più sulle normali frequenze FM, non è poi così piacevole. Per questo votiamo ancora per l'Ascend, che ha la radio integrata come molti degli smartphone presenti sul mercato. Tranne l'iPhone.

 
© Riproduzione Riservata

Commenti