Smartphone & Tablet

HTC One M8 vs Samsung Galaxy S5: chi è il migliore?

Facciamo i conti in tasca ai due smartphone destinati a trainare il mercato nei prossimi mesi. Analizziamo ogni comparto 

– Credits: HTC One M8 contro Samsung Galaxy S5: il confronto

Partiamo da un punto: se si dovesse giudicare tutto sulla base delle attese e anticipazioni sui due modelli, Samsung vincerebbe contro HTC, e non di poco. Il circus che è capace di muovere la sudcoreana, ad ogni nuova presentazione di prodotti hi-tech, è diventato pari a quanto negli anni ha costruito Apple, aggiungendo la possibilità a tutto il mondo di seguire gli eventi in diretta streaming.

Sotto questo punto di vista HTC è un gradino più in basso ma, come accade qualche volta anche nel mercato del mobile, non serve far troppo baccano per sfornare oggetti interessanti. Questo HTC One, meglio conosciuto come “M8”, ne è la prova certa: sopra e sotto la scocca brilla l’eccellenza della casa taiwanese, che aveva cominciato a dare i primi segni di ritrovata “vita” con l’ottimo HTC One, prima versione.

Carta alla mano, e in attesa di provare da vicino i due terminali, cerchiamo di comparare le funzioni hardware e software principali, con l’obiettivo di rendere più semplice la vita a chi si appresta ad aggiornare il proprio smartphone, magari con qualche soldo messo da parte durante le ultime festività.

Design

Il Galaxy S5 è la normale prosecuzione della linea che Samsung ha intrapreso con il Galaxy S4. Distanziandosi da quello che fu l’S3, l’azienda ha rifinito linee e profilo, rendendo il telefono più snello seppur senza uno chassis così particolare. Inoltre i designer di Samsung, proprio a partire dal Galaxy S5, hanno adottato un approccio diverso nel trattare le plastiche del dispositivo. Noterete che il retro è puntellato e con una finitura opaca brillante. Il risultato è che il telefono sembra avere, almeno a prima vista, un aspetto più elegante, nonostante sia sempre tutto di plastica.

L’HTC One va oltre. La nuova punta di diamante dell’azienda adotta lo stesso materiale metallico del predecessore, in aggiunta ad una nuova finitura spazzolata. Il tutto si traduce, per i più pignoli, in un peso leggermente superiore nei confronti di Samsung. Il nuovo HTC One pesa 160 grammi, l’S5 145 grammi, questione di sottigliezze.

Oltre alle dimensioni fisiche, il Galaxy S5 gode di qualche funzione unica che, almeno per ora, i concorrenti sognano. Tra queste il lettore di impronte digitali e il sensore per la frequenza cardiaca posto sul retro del dispositivo. Il primo serve a sbloccare il telefono e alcune funzioni ad esso connesse (come gli acquisti sugli store), mentre il secondo permette ai nuovi gadget indossabili di Samsung di dialogare con alcune app, come S Health, per monitorare le attività fisiche degli utenti durante l’esercizio.

HTC si difende sul lato “multimediale”. Lo smartphone arriva infatti con un paio di diffusori BoomSound integrati, che permettono di avere un suono stereo di alta qualità. Di contro il Galaxy S5 ha un solo diffusore, posto sul retro, che non è paragonabile alla musica che viene fuori dall’M8.

Display

Il nuovo standard per il 2014 si chiama QHD che tradotto vuol dire 1440 x 2560 pixel, una risoluzione impensabile fino a qualche anno fa. Per ora sia Samsung che HTC portano sul mercato uno smartphone con display da 1080 x1920 pixel, che lavora ancora benissimo su uno schermo dalle ridotte dimensioni (a confronto di quelle di un monitor, ad esempio). Inoltre una maggiore risoluzione avrebbe pesato sulle prestazioni del dispositivo, con la necessità di elevare l’hardware; necessità che per ora non si è ancora palesata. Giusto per la cronaca, lo schermo del Galaxy S5 è leggermente più grande di quello dell’HTC One M8 con 5,1” contro 5” con una densita di pixel (PPI) di 432 per il primo e 441 per il secondo.

Fedele alla sua tradizione, Samsung ha equipaggiato il Galaxy S5 con un display Super AMOLED con colori vivaci e un ottimo angolo di visualizzazione. HTC invece utilizza un Super LCD 3, migliore e più definito del già ottimo schermo dell’HTC One. Qui arriva la prima scelta da fare: da un lato avere colori più vivi (Samsung), dall’altro una grafica e una tonalità più vicina alla realtà (HTC).

Interfaccia

Samsung ha aggiornato la sua famosa TouchWiz per accogliere al meglio la versione di Android 4.4.2 KitKat. Icone e widget sono quasi sempre gli stessi anche se le aggiunte all’interfaccia non sono da poco: tra tutte un nuovo pannello che mostra news e articoli presi da internet e cuciti addosso alle preferenze dell’utente. Interessante anche la modalità Ultra Power Saving che permette di estendere la durata della batteria in maniera evidente, almeno a quanto afferma l’azienda.

HTC mostra in tutto il suo splendore l’interfaccia Sense arrivata alla 6.0. Anche qui le peculiarità della versione precedente restano, con i widget che diventano più leggeri ed estesi. Ma la novità principale riguarda BlinkFeed che mantiene tute le migliori caratteristiche presenti sull’HTC One ma aprendosi ai nuovi orizzonti degli sviluppatori che potranno costruire le proprie app da integrarsi con la speciale feature dell’HTC One M8.

CPU e Ram

Sia lo smartphone di Samsung che quello di HTC montano il system-on-chip Snapdragon 801, al momento la CPU più potente sul mercato. La differenza è il numero dei clock sui due diversi dispositivi. Il Galaxy S5 ha un clock più alto, che arriva fino a 2.5 GHz mentre per HTC il clock rate arriva ad un massimo di 2.3 GHz, un vantaggio che seppur presente è minimo e non tale da sbilanciare le performance da una parte o dall’altra.

Anche per la Ram la situazione è simile, se non identica. 2 GB di memoria per entrambi i dispositivi, poca se comparata alla nuova flotta di device che ne hanno 3GB, quanto basta per consentire un multi tasking davvero senza alcun problema. Nonostante la perfetta gestione delle attività giornaliere consolidate, nel 2014 ci saremmo aspettati qualcosa in più soprattutto quando si comincerà a parlare della nuova generazione di videogiochi.

Fotocamera

Per tanto tempo Samsung è stata conosciuta quasi esclusivamente per le sue fotocamere. Non a caso l’azienda ha spostato, negli ultimi tempi, il suo know-how su smartphone, realizzando anche ibridi interessanti. Il Galaxy S5 ha una fotocamera da 16 Megapixel con un focus super-veloce, modalità HDR con anteprima in tempo reale e il supporto alla registrazione video a 4K.

Tuttavia questa volta ci sentiamo di promuovere la scelta di HTC, non solo per la qualità delle foto (che qualche testata internazionale ha sin da subito declassato ) quanto per la scelta coraggiosa di inventarsi qualcosa di nuovo. Sul retro del nuovo HTC One ci sono due fotocamere che, se utilizzate in coppia, permettono di donare un effetto speciale all’immagine. In particolare l’utente sarà in grado di regolare il focus di una foto dopo averla scattata (su Samsung e Nokia avviene tutto tramite software e non hardware) oppure di creare un effetto di profondità di campo sfocando lo sfondo. A livello tecnico la fotocamera di HTC è una UltraPixel con un sensore a 1/3.0 con apertura f/2.0 e grandezza pixel di 2 micrometri . L’HTC One detiene già un record, è lo smartphone con risoluzione di cam frontale più alta sul mercato: 5 Megapixel, per scattare selfie come mai prima. 

 
© Riproduzione Riservata

Commenti