È il miglior telefono marchiato Honor, nonché uno dei dispositivi più interessanti dell’anno per rapporto qualità prezzo. Honor 8, lo smartphone top di gamma del brand satellite di Huawei, si ripresenta al pubblico, anche quello nostrano, in una versione più grande, più potente e - ovviamente - più costosa.

Si chiama Honor 8 Pro - e non "Plus" come vorrebbe la letteratura del settore - ed è descritto dalla società cinese come “il dispositivo per gli utenti più esigenti, per i creativi che scattano molte fotografie di qualità e per tutti quegli utenti che preferiscono una vita mobile rispetto a quella alla scrivania”.

Più semplicemente lo potremmo definire un telefono con dimensioni e caratteristiche assimilabili a quelle di un iPhone 7 Plus, ma alla metà del prezzo. Honor 8 - che arriverà in Italia dal prossimo 20 aprile, costerà infatti 549 euro, un cartellino salato (soprattutto se raffrontato alla media dei device Honor) ma comunque più conveniente rispetto al portacolori di Apple e a qualsiasi altro dispositivo di fascia premium.

Display, processore, RAM e batteria: l'aggiornamento è servito
Ma quali sono, in definitiva i plus di questo Honor 8 Pro alla versione standard del telefono? Detto già degli ingombri oversize del telefono (lunghezza e larghezza sono pressoché pari al grande iPhone mentre lo spessore è appena sotto i 7 millimetri), spicca la presenza di un display aggiornato - nelle dimensioni (5.7 pollici) e nella risoluzione (2.560 x 1.440 pixel, per una densità di 525 ppi) -, di un processore più potente (Kirin 960 Octa-Core, lo stesso che equipaggia il Mate 9 e il neonato p10 di Huawei) e di una RAM più corposa (ben 6 giga). La “crescita” del dispositivo si ripercuote (positivamente) anche sul piano dell’autonomia: la batteria è stata portata da 4.000 mAh, con la possibilità di ricarica rapida QuickCharge a 2 ampere.

Software: c'è Android 7.0, con l'immancabile EMUI
Sul piano dell’esperienza d’uso Honor 8 sembra in linea con tutti i dispositivi Huawei di fascia alta. La presenza dell’ormai collaudata interfaccia EMUI (qui nella versione 5.1, la stessa che equipaggia il P10) ha il merito di trasformare (in meglio) l’esperienza d’uso di Android, ora aggiornato alla versione 7.0 (Nougat).

Da sottolineare in questo senso la presenza a bordo smartphone di un sistema intelligente della gestione dei file che riduce in maniea decisiva la frammentazione del sistema operativo e, con essa, la degradazione delle performance nel tempo (tipica degli smartphone motorizzati Android).

Doppia fotocamera, per scattare meglio (anche in bianco e nero)
Come la versione standard del telefono, anche Honor 8 Pro monta due fotocamere posteriori da 12MP che lavorano in tandem per combinare le performance di due sensori, uno monocromatico che lavora essenzialmente sulla nitidezza, l’altro in RGB per il colore. Dal secondo obiettivo è possibile registrare anche video in 4K e comprimerli in modo più efficiente attraverso il codec H.265.

L’interfaccia fotografica è in tutto e per tutto simile a quella degli ultimi modelli della casa di Shenzhen con le opzioni principali in primo piano (flash, apertura diaframma, modalità bellezza, filtri colori, switch per la fotocamera frontale) e quelle secondarie ordinate all’interno di un secondo menu a tendina accessibile con uno swipe da sinistra. Da qui è possibile accedere a tutte le principali funzionalità per lo scatto creativo , fra cui slow-motion, Time-lapse, HDR, scatto notturno, bianco e nero, nonché selezionare la modalità “Pro” per fotografare scegliendo in manuale tutti i principali parametri di scatto (ISO, tempi di esposizione, apertura, tipologia di fuoco, bilanciamento del bianco).

In Italia dal 20 aprile
Disponibile in 3 colori (Midnight Black, Navy Blue e Platinum Gold) Honor 8 Pro arriverà sul mercato italiano dal prossimo 20 aprile a un costo, come detto in paertura, di 549 euro.

Chi acquisterà il dispositivo, fa sapere la società, potrà avere in omaggio una microSD da 128GB più un trepiede per i selfie, o - in alternativa - un power bank da 10000mAh (sempre con trepiede in abbinata) o una microSD da 64GB con visore per la realtà virtuale VR 4 Smarts.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti