Smartphone & Tablet

Gigaset SL930A: il cordless si è fatto Android

La casa tedesca annuncia il suo nuovo portatile di fascia alta: un Dect con sistema operativo Android in grado di ospitare tutte le applicazioni presenti su Google Play. Comprese quelle per il VoIp

– Credits: Gigaset

Che importanza date al vostro telefono di casa? Se la risposta è “parecchia”, allora potreste essere interessati alla notizia dell’arrivo sul mercato del nuovo SL930A, primo cordless Android di Gigaset. Si tratta dell’evoluzione dell’SL910 , l’elegantissimo portatile touch presentato due anni fa dalla società tedesca, riprogettato per l’occasione intorno al celebre sistema operativo di Google (qui nella fattispecie nella versione 4.0, Ice Cream Sandwich).

Al di là del fatto di integrare una piattaforma software concepita nativamente per funzionare su interfacce touch, l’idea che sta dietro al nuovo Gigaset SL930A è quella di aprire le porte a tutta una serie di applicazioni godibili – perché no – anche su un telefono casalingo. Dai social network ai giochi, dalle app fotografiche ai sistemi VoIp (vedi ad esempio Skype), tutte le quasi un milione di app presenti su Google Play possono essere infatti scaricate sul telefono.

Gigaset-SL930A-2_emb8.jpg

Dal punto di vista tecnico, Gigaset SL930A è un Dect con display capacitivo full-touch da 81 mm compatibile con i principali standard di comunicazione, Wi-Fi e micro USB compresi. La memoria interna è di 4 GB ma la capacità di storage può essere ampliata fino ad un massimo di 32 GB con una scheda microSD.

Piuttosto ampia la lista delle funzionalità telefoniche che comprende – fra le altre – il vivavoce con qualità full-duplex con HSP, l’audio HDSP e la segreteria telefonica. La rubrica può contenere fino a 2000 biglietti da visita digitali vCard e può essere sincronizzata anche con client esterni (ad esempio con la lista dei contatti di un account Google) in modo pressoché immediato.

Gigaset SL930A sarà disponibile a partire dalla fine del mese di ottobre al prezzo di 199,90 euro.

 
© Riproduzione Riservata

Commenti