samsung galaxy s7 gear
Smartphone & Tablet

Galaxy S7 e Gear VR: perché è un'accoppiata vincente

Abbiamo fatto un salto nel mondo di Samsung per capire qualcosa in più sulla realtà virtuale

Siamo convinti che il futuro dell’intrattenimento digitale sia la realtà virtuale. Ne siamo convinti da quel settembre 2014 che ha segnato l’arrivo del primo Gear VR di Samsung, il visore migliore nel rapporto qualità-prezzo. E siamo convinti che siano dispositivi del genere, più dei Rift di Oculus e degli HTC Vive, a poter cambiare il mercato, proprio come fatto da Android nel panorama smartphone. Il motivo? La possibilità di entrare a pieno diritto nel mondo del virtuale senza dover spendere centinaia di euro per un prodotto che non si sa nemmeno quanto e come lo si userà in futuro. Senza parlare del fatto che per gli occhialini citati prima c’è bisogno di un computer di tutto rispetto, un qualcosa che non si trova di frequente nelle case dell’utente medio.

Samsung lo ha capito ed è per questo che ha allargato il ventaglio di cellulari supportati dall’ultimo Gear VR, che è uscito dalla fase beta per diventare un prodotto di massa a tutti gli effetti.

Ne abbiamo parlato con Riccardo De Franchis e Silvia Beltrame, rispettivamente direttore marketing telefonia e product marketing telefonia di Samsung Italia.

Cinema virtuale

Il prezzo del visore è di 130 euro ma grazie a tante offerte è stato possibile accaparrarsene uno con l’acquisto di un dispositivo della gamma S6 e, adesso, S7. Il nuovo Gear VR è più versatile, leggero e funzionale. Se ne sono accorti anche ad Amsterdam dove ha aperto il primo cinema virtuale in Europa dove agli spettatori vengono dati un paio di Gear VR e cuffie Sennehiser per “vivere” un cortometraggio di 30 minuti.

Esperienze a 360 gradi

Insomma il momento è il migliore per capire cosa poter fare con un paio di Gear VR. Non solo giochi ma anche film, educazione e un mondo di attività in continua evoluzione, grazie al lavoro dedicato di Samsung e alle app di terze parti disponibili nell’Oculus Store. L’azienda sta inoltre allargando il mondo di accessori compatibili, come ad esempio il Gear 360, con cui assistere in diretta (e ovviamente in maniera immersiva) alla vita degli altri. 

© Riproduzione Riservata

Commenti