Apple-Watch-app
Smartphone & Tablet

Apple Watch: ecco le app che ci possiamo aspettare

Dal servizio per ritrovare l'auto parcheggiata all’apertura della camera d’albergo: così le nuove applicazioni da polso promettono di cambiarci la vita

Nella giornata di ieri, Apple ha ufficializzato l’apertura del kit di sviluppo dedicato a Watch, il suo primo smartwatch atteso per l'inizio del prossimo anno. Si tratta di una piattaforma concettualmente diversa da quella che oggigiorno permette ai programmatori di creare app per iPhone, iPad e iPod. Come noto, infatti, il primo orologione di Apple non si baserà su iOS, ma su un sistema operativo concepito ex novo per sfruttare appieno le potenzialità di un dispositivo indossabile.

Fra gli obiettivi dichiarati di Apple c'è infatti quello di riuscire a offrire un’esperienza di utilizzo che non si limiti a ricalcare quanto già presente su iPhone e iPad su un schermo di piccole dimensioni, ma che riesca in un certo qual modo ad ampliare la gamma di opzioni, di gestualità e di interazioni con la tecnologia made in Cupertino. A questo scopo Watch potrà mettere sul piatto tre risorse inedite (almeno rispetto all’attuale gamma di iGadget) in grado di ingolosire gli sviluppatori: il sensore per misurare il battito cardiaco, la corona digitale sul lato destro della cassa e il nuovo sistema force touch. Ma è evidente che saranno ancora una volta l’estro e la fantasia dei creatori di app a fare la differenza.

 

Navigazione
Apple Watch si collegherà al Gps dell’iPhone per ricavare tutta una serie di informazioni legate alla posizione. Mappe, quindi, ma non solo. All’evento di presentazione dello scorso settembre, ad esempio, è stata mostrata un’applicazione realizzata da BMW che permette di sapere dov’è parcheggiata l’auto e - nel caso il veicolo sia alimentato elettricamente - di conoscere la percentuale residua di carica. Di certo, le dimensioni ristrette del display, ma anche le nuove forme di interazione touch, obbligheranno gli sviluppatori ad alzare l'asticella rispetto alle funzioni presenti nelle attuali app basate sulla localizzazione. Citymapper, una soluzione destianta agli utenti che utilizzano i mezzi pubblici, ha già fatto sapere che l'app disegnata per Apple Watch avviserà gli utenti quando saranno in prossimità della fermata dell’autobus attraverso feedback aptici, inviando cioé piccole vibrazioni che saranno percepite direttamente al polso.

Social Media
Come ogni smartwatch che si rispetti anche il Watch di Apple permetterà di avere le notifiche provenienti dai social network a portata di mano, o meglio, di polso. Resta da capire in che modo potremo interagire attivamente con questi servizi: la nuova app di Twitter, ad esempio, dovrebbe consentire di scrollare il feed dei cinguettii, di marcarli come preferiti, di ritwittarli ed eventualmente di crearne di nuovi; più o meno sulla stessa lunghezza d'onda l'applicazione "indossabile" di Facebook, anche se in questo caso non è chiaro se e come sarà possibile pubblicare aggiornamenti di stato. C’è poi tutto il capitolo che riguarda le nuove “tracce” che verranno lasciate dall’orologio di Apple, e in particolare gli schizzi a mano libera e le pulsazioni cardiache. Facile pronosticare per queste nuove categorie di contenuti un modello di condivisione diretta: basterà un tap per “sparare” il proprio batticuore su Facebook, Twitter, Pintereset e via dicendo. Che tutto questo diventi una moda è ovviamente tutto da dimostrare.

Viaggi
La grande promessa dei dispositivi indossabili è quella di snellire tutte quelle pratiche che anche su uno smartphone richiedono comunque un certo numero di passaggi. Su questo versante Apple sta invitando gli sviluppatori a pensare a tutti possibili modi in cui Watch può migliorare i servizi già presenti su smartwatch e tablet. Molte le opportunità che si aprono nel campo dei viaggi. C’è chi - è il caso della catena di hotel Starwood - ha già disegnato lo scenario: gli utenti arriveranno in hotel, faranno checkin con un tap, pagheranno con Apple Pay e apriranno la camera direttamente con lo smartwatch.

Second screen
Smartphone e tablet sono già ampiamente utilizzati come secondo schermo per ricevere notifiche e altre informazioni durante le trasmissioni televisive in diretta. Con l’arrivo di uno strumento come Apple Watch, il numero di interazioni possibili per il telespettatore sempre connesso è destinato ad aumentare. La Major League di Baseball americana, ad esempio, ha già fatto sapere che metterà a disposizione degli appassionati un’app a misura di orologio per avere il tabellone coi risultati delle partite in tempo reale, ma anche altre realtà - soprattutto del mondo televisivo - si stanno dimostrando interessate alle opportunità offerte dal nuovo dispositivo intelligente di Apple.

Fitness e salute
Oltre alle due applicazioni native precaricate, gli utenti Watch potranno anche scaricare tutte le varie app create dagli sviluppatori di terze parti su WatchKit. Rispetto a quanto visto finora su iPhone, le app di fitness per Apple Watch potranno contare sulla presenza di un cardiofrequenzimetro integrato, una risorsa che consentirà di arricchire i programmi di allenamento e di monitoraggio degli sportivi. Per tutte quelle realtà che già oggi veicolano le proprie applicazioni su iOS - è il caso di Nike, Runkeeper, Runtastic - il passaggio su Watch sarà quasi obbligato.

Smart Home
C’è infine tutto il capitolo dedicato alla domotica, un ambito che sta molto a cuore ad Apple come dimostra il fresco annuncio di una piattaforma ad hoc - HomeKit - per le soluzioni destinate al controllo remoto degli elettrodomestici e delle apparecchiature di casa. Su questo fronte Apple Watch potrebbe rappresentare una sorta di “abilitatore” dei vari dispositivi intelligenti casalinghe, una sorta di chiave digitale capace di innescare le azioni dei device casalinghi che abbracceranno la filosofia Apple. Honeywell e Lutron, ad esempio, hanno già mostrato le loro personalissime applicazioni per il controllo del termostato e dell’illuminazione direttamente da Watch. Molte altre ne arriveranno nei prossimi mesi, magari parallelamente al’annuncio di nuovi elettrodomestici e prodotti Apple-ready.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Apple Watch: ecco come si batte

Dal design alla durata della batteria: ecco in che modo i rivali storici di Apple possono competere contro il nuovo smartwatch di Cupertino

Commenti