Apple iOS Federighi
Smartphone & Tablet

Apple iOS 9: la stabilità, prima di tutto

Ecco perché il prossimo aggiornamento del sistema operativo tascabile di Cupertino punterà soprattutto alla risoluzione dei bug

Da iOS 7 in poi, i dispositivi portatili Apple sono stati letteralmente rivoluzionati. Fra ritocchi estetici, nuove funzionalità ed estensioni, gli iPhone, gli iPad e gli iPod di oggi sembrano essere dei lontani parenti degli omologhi modelli lanciati nell’era Jobs.

Se le nuove release di iOS hanno certamente contribuito a rendere i gadget tascabili di Apple più ricchi e attraenti - si pensi solo alle applicazioni esclusive come TouchID Centro Notifiche, Salute, Apple Pay - d’altro canto hanno finito per compromettere in parte la famigerate stabilità dell’esperienza Apple. Negli ultimi anni il numero di bug che hanno afflitto il sistema operativo tascabile della Mela è indubbiamente lievitato, tanto da indurre i programmatori di Cupertino ad aumentare il numero di aggiornamenti disponibili

Perché Apple ci farà aggiornare iOS sempre più spesso


Con iOS 9, però, il discorso potrebbe cambiare. Secondo quanto rivelato da 9to5Mac, la nuova main release della piattaforma tascabile di Apple - in uscita il prossimo mese di giugno - privilegerà la stabilità agli effetti speciali. Un aggiornamento meno “farcito”, dunque, ma più efficace, che si focalizzerà soprattutto sulla correzione dei bug, sulla stabilità del sistema e sull’incremento delle prestazioni. Il tutto, e questa sarà la seconda parte della sfida, csenza trascurare le dimensioni, che dovranno mantenersi entro limiti accettabili, in considerazione dei milioni di proprietari di dispositivi iOS da 16GB.

Non è dato sapere se l’operazione di semplificazione verrà attuata scremando una fetta dei modelli non più giovanissimi dalla lista dei dispositivi aggiornabili. Se, come tutto lascia pensare, l’iPhone 5C, l’iPad Mini di prima generazione, e l’iPod Touch di quinta generazione verranno ritirati dal mercato entro la fine dell’anno, Apple si ritroverebbe con un parco prodotti integralmente allineato sui processori da 64 bit (A7, A8, A9) e dunque più facile da gestire in ottica applicazioni.

iOS 9 non sarà in ogni caso un sistema operativo “povero”. Secondo le indiscrezioni, Apple starebbe lavorando su tutta una serie di funzionalità aggiuntive, soprattutto nell’area mappe e musica. C’è chi scommette sull’arrivo di un sistema di navigazione basato sulle viste da terra molto simile a Street View, chi si attende il primo frutto concreto dal matrimonio con Beats e chi preconizza un nuovo sistema per il controllo parentale e la gestione dei profili multi-utente.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti