4766126419_195c95f02d_b
Smartphone & Tablet

Apple, un'action-camera anti GoPro

Spunta un brevetto nel quale si descrive una telecamera con funzioni simili. Potrebbe essere integrata in Apple Watch

Quando si parla di brevetti bisognerebbe sempre indossare un paio di guanti e usare molta premura. Per questo non vi dirò che Apple ha deciso di fare le scarpe a GoPro, e nemmeno che ha intenzione di lanciarsi a piedi uniti nel mercato delle action-camera portatili. No, per evitare capelli strappati anzitempo, vi dirò solo che Apple ha appena depositato un brevetto in cui viene descritta una telecamera studiata per essere montata su qualsiasi tipo di supporto. E che le azioni di GoPro sono precipitate di quasi il 15% in un solo giorno.

Basta leggere il brevetto per capire perché. Apple non si limita solamente a descrivere i possibili utilizzi di questo tipo di telecamera (specificando che potrà essere montata su caschi, biciclette, maschere da sub etc.), ma si prende persino la briga di sottolineare in quali punti il prodotto depositato da Cupertino sarebbe migliore di quello offerto dall’azienda di San Mateo (anche se alcune specifiche fanno riferimento al modello Hero 2, oggi GoPro è sul mercato con Hero 4).

Non bastasse, nel brevetto si descrive anche la possibilità di utilizzare la tecnologia per registrare immagini e suoni sott'acqua, nonché un sistema che consente di comandare la telecamera a distanza utilizzando l’iPhone.

Ma per capire perché basti un brevetto per far tremare le colonne di un colosso del panorama hi-tech come GoPro non serve concentrarsi su questi particolari, è sufficiente considerare come le mosse di Apple in passato siano riuscite a far piazza pulita della concorrenza. Tra gli analisti oggi c’è chi non esita a intravedere nella mossa di Apple qualcosa di paragonabile all’effetto uragano generato dall’iPhone sulle fotocamere digitali.

Credo che [questa nuova tecnologia] avrà circa lo stesso impatto su GoPro di quello che l’iPhone ha avuto sui produttori di fotocamere, ossia vengono vendute meno fotocamere senza che il loro numero arrivi a zero.” spiega Micheal Pachter di Wedbush Securities.

C’è chi ipotizza che questo tipo di tecnologia verrà incorporata (magari nella prossima iterazione) in Apple Watch, il che potrebbe rappresentare l’asso nella manica di Apple per emergere in un ambiente, quello degli smartwatch, già fin troppo accidentato e affollato.

Nel frattempo, GoPro incassa il colpo senza troppi problemi, il suo valore finanziario è ancora del 73% superiore rispetto all’IPO dello scorso giugno, non passa giorno senza che YouTube venga invasa da nuovi video virali girati con la nuova Hero 4 e diverse stelle del mondo dello sport e di Hollywood si affidano alle action-cam dell’azienda di San Mateo per creare i propri contenuti.

Insoma, Apple può anche aver deciso di cimentarsi in questa battaglia, ma per battere GoPro dovrà mettere sul piatto qualcosa di più di una manciata di nuove funzionalità.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti