Dal MWC di Barcellona

In un mercato – quello dei dispositivi mobili – che tende a consolidarsi intorno ai soliti noti, cosa possono fare i produttori di seconda fascia per evitare di diventare vittime sacrificali? Il prezzo, pare chiaro, non basta più. Ci vogliono idee fresche e magari un po’ di intuito per intercettare esigenze di nicchia, o comunque più specifiche rispetto a quelle individuate dal canale mainstream.

Più o meno quello che sta cercando di fare Alcatel, ripresentatasi al grande pubblico in occasione del Mobile World Congress con l'idea di offrire qualche succosa anticipazione della sua collezione 2017. Smartphone Android, Windows Phone, tablet ibridi: in attesa di vedere come sarà dell’erede della Alcatel 4 Idol (il prodotto di punta della casa, nonché uno dei migliori smartphone per rapporto qualità prezzo), il brand del gruppo TCL sembra avere le idee chiare su cosa fare per differenziarsi dal resto del mercato. Qui, in sintesi, un quadro sulle principali novità in rampa di lancio.

Alcatel A5 LED: lo smartphone con il retro luminoso
Iniziamo dall’A5 LED, forse il più estroso fra i prodotti presentati a Barcellona. Si tratta di uno smartphone Android dal prezzo piuttosto contenuto (249 euro) che si fa notare soprattutto per il suo lato B: il retro del dispositivo è infatti ricoperto da una serie di LED che si illuminano con motivi e e colori differenti. Non si tratta di uno sfoggio di luci fine a se stess, ci spiegano i responsabili dell’azienda: i LED dell’A5 si illuminano in modo diverso a seconda delle notifiche in entrata (chiamate, messaggi, sveglia e social media), oppure in base alla musica riprodotta all’interno del dispositivo. In più è possibile selezionare il colore in background attraverso una funzione (Color Catcher) che cattura i colori circostanti o di un’immagine all’interno della galleria e li ripropone sia nella cover che sulla schermata iniziale.

Per quanto riguarda la dotazione interna, il nuovo Alcatel A5 LED si segnala per il display HD da 5,2 pollici, il chipset octa-core con connettività 4G LTE, la fotocamera principale da 8 megapixel e quella anteriore, per i selfie, da 5 megapixel. Dall'interfaccia fotografica è possibile accedere anche a una serie di opzioni per l'elaborazione degli scatti; fra queste anche una funzione per il miglioramento del viso (Face Beauty software) e una per trasformare in modo automatico i selfie in video clip personalizzati (Face Show).

 

Idol 4 Pro: il telefono casa-ufficio

La premiér di Barcellona è stata anche l’occasione per annunciare l’arrivo in Europa del nuovo Idol 4 Pro, dispositivo più professionale che promette di semplificare la vita (soprattutto quella lavorativa) a quanti utilizzano un PC con sistema operativo Windows 10.

Come tutti i dispositivi equipaggiati con l’ultima versione dell’OS Microsoft, Alcatel Idol 4 Pro può infatti sfruttare le funzionalità di Continuum [qui vi spieghiamo come funziona] per collegarsi a un secondo schermo (ma anche a una tastiera e mouse), in modo da ricreare un'esperienza simil-desktop.

Di tutto risptto il resto della dotazione che prevede scocca in metallo, display Full HD da 5,5 pollici, processore quad-core da 2.1 GHz (con 4 GB di Ram) e fotocamera principale da 21 megapixel.

Idol 4 Pro arriverà in Europa entro giugno (per il momento nella sola colorazione Gold Chrome) ad un prezzo consigliato di 599 euro.

 

Alcatel Plus 12: l’ibrido super-connesso
Restando in tema produttività è da sottolineare l’arrivo del nuovo Plus 12, altro dispositivo motorizzato Windows 10 che si inserisce nel filone dei cosiddetti 2-in-1, gli ibridi che fungono indifferentemente da tablet o da notebook grazie alla tastiera con aggancio magnetico.

I progressi rispetto al primo modello della serie (Alcatel Plus 10) sono evidenti, e non solo per via del nuovo display da 12 pollici Full HD. Il nuovo Plus 12 si presenta infatti con ingombri più ridotti (6,9 mm di spessore per meno di 1 kg di peso), finiture più accurate e una dotazione hardware complessivamente migliorata.

 

Da sottolineare in questo senso l’innesto di un processore quad-core da 1.92 GHz, la fotocamera frontale da 5 megapixel, i due altoparlanti frontali, la doppia batteria (da 6.900 mAh quella principale, da 2.580 quella integrata nella tastiera), e l’ampio ventaglio di soluzioni per la connettività. Oltre agli immancabili moduli Wi-Fi e Bluetooth, Alcatel Plus 12 mette infatti sul piatto tre porte per il trasferimento dati (USB-C, USB-A, micro-HDMI) e uno slot per schede SIM 4G LTE; in questo modo, ci spiegano i responsabili della società, il portatile può essere sempre connesso e fungere all’occorrenza da hot-spot Wi-Fi per altri dispositivi (fino a un massimo di 15).

Alcatel Plus 12 arriverà in Italia entro il mese di giugno a un prezzo consigliato di 499 euro.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti