Jason Chen Acer
Smartphone & Tablet

Idea Acer: da smartphone a PC in una mossa

Il produttore svela Jade Primo, un telefono che sfrutta la tecnologia Microsoft Continuum per passare dalla visualizzazione mobile a quella desktop

Da Berlino

In un mercato sempre più affollato di produttori e, diciamolo pure, povero di idee, c’è chi pensa sia arrivato il momento di imboccare strade diverse, puntando magari ad accontentare specifiche comunità di utenti. Acer, per esempio. Il produttore taiwanese si presenta a Ifa lanciando un messaggio chiaro a quanti non si accontentano dei soliti smartphone nati all’ombra dell’iPhone: bisogna osare, anche a costo di prendersi dei rischi. 

Jason Chen, CEO della società, si è voluto esporre in prima persona, presentando - a sorpresa - il primo "Pocket PC" della storia dei device mobili. Si chiamerà Acer Jade Primo e punta a diventare il capostipite di una nuova progenie di oggetti pensati per superare le barriere che ancora separano il mondo degli smartphone da quello dei computer. 

 

Il segreto è Windows 10
Nella forma, Jade Primo sarà un telefono da 5,5 pollici motorizzato Windows 10, ma nella sostanza sarà qualcosa di più: un oggetto capace di passare senza soluzione di continuità dalla visualizzazione mobile a quella desktop. Un piccolo miracolo reso possibile dalla presenza a bordo di Microsoft Continuum, la tecnologia che adatta l’esperienza utente a qualsiasi tipo di schermo.

Continuum e tutte le altre novità di Windows 10


Laddove Acer proverà a fare la differenza sarà soprattutto nella dotazione. Acer Jade Primo verrà infatti equipaggiato con un kit di accessori già incluso nella confezione che comprenderà fra le altre cose tastiera, mouse, docking e cavo di connessione. In questo modo, fanno capire i responsabili della società, la “trasformazione” sarà ancora più rapida e indolore: gli utenti non dovranno far altro che poggiare il telefono sulla scrivania per veder “proiettati” i propri contenuti e le proprie applicazioni sul monitor di casa (o dell’ufficio).

Pronto anche il phablet per gli amanti dei videogiochi
Acer Primo non sarà l’unico dei dispositivi “sui generis” che il produttore commercializzerà nei prossimi mesi. In rampa di lancio c’è anche un smartphone che punta esplicitamente a conquistare le simpatie dei videogamers: si chiamerà Acer Predator 6, arriverà con molta probabilità all’inizio del 2016, e si caratterizzerà per la potenza bruta dei suo componenti chiave: il chipset interno, per esempio, integrerà un processore a 10 core e verrà supportato da ben 4 “giga” di RAM, mentre per la parte audio sono previsti quattro vistosi speaker audio posizionati agli angoli del dispositivo, pronti a offrire decibel in quantità.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Acer: il PC si è fatto smart(phone)

Jason Chen, CEO di Acer, ci spiega la sua visione del mercato. E avverte i big del mobile: la vostra parabola sarà come quella degli (ex) giganti dei PC

Commenti