Acer Liquid Jade S Cover
Smartphone & Tablet

Acer Liquid Jade S: una “scheggia” da 299 euro

Sottile, velocissimo, economico: ecco perché il nuovo smartphone della casa taiwanese può diventare un’alternativa appetibile fra gli utenti Android

A poche settimane dal lancio ufficiale al CES di Las Vegas, il Liquid Jade S è già sugli scaffali dei negozi, anche quelli italiani. La società taiwanese non vuole evidentemente perdere tempo: sa di avere fra le mani uno smartphone davvero concorrenziale, e non solo per via del prezzo invitante (299 euro).

Dal nome si intuisce che questo è il sequel del Liquid Jade, terminale che aveva già ben impressionato lo scorso anno, ma che ora grazie al profondo restyling operato da Acer si (ri)presenta al pubblico con credenziali di ben altro livello. 

Leggi anche: la classifica dei migliori smartphone del 2014
 

Linea tagliente
Il lavoro di cesello svolto da Acer è evidente, sia dentro che fuori. La plastica glossy cede il posto a una più piacevole policarbonato effetto-soft: visto di profilo, il Liquid Jade S è uno degli smartphone più “taglienti” del mercato, ma non si tratta di una trovata fine a se stessa. Il vantaggio è tangibile anche sul piano dell’ergonomia: nonostante la stazza tutto sommato importante - il telefono è costruito intorno a un display da 5 pollici di diagonale - il Liquid Jade S riesce a essere sorprendentemente snello e maneggevole all’impugnatura.

All'interno un processore octa-cre
Ma le vere novità sono sotto il cofano. La presenza di un chipset Mediatek con processore octa-core a 64 bit è un lusso per un terminale di questa fascia di prezzo, e lo stesso dicasi per la GPU grafica Mali T760 e per il sistema di connettività LTE (Cat.4). Al di là delle specifiche tecniche, ciò che colpisce di questo Jade S è soprattutto la velocità e la reattività nella gestione delle applicazioni. Basta navigare qualche minuto fra i menu e i sottomenu del telefono o aprire qualche app impegnativa (ad esempio un gioco 3D) per rendersene conto.

Acer Liquid Jade S IMG_6142 (Large)

Lo spessore è di 7,7 millimetri, il peso di 116 grammi – Credits: Roberto Catania

Più risorse per gli amanti dei selfie
Potenziato, nel complesso, anche il comparto multimediale: la fotocamera principale promette di ridurre il rumore in condizioni di bassa luminosità grazie a un valore di apertura record (f 1.8), quella anteriore dispone ora di un sensore da 5 megapixel e può essere attivata anche mediante comandi vocali: basta pronunciare la parola "selfie" e lo smartphone provvederà in automatico ad azionare l'auto-scatto. All’interno del menu fotografico, inoltre, sono state aggiunte tutta una serie di feature per la cosiddetta regolazione fine, dai filtri al setting dell'esposizione, dalla possibilità di combinare due scatti provenienti dalle fotocamere anteriore e posteriore all’integrazione con Instagram.

L'aggiornamento a Lollipop arriverà durante l'anno
In un contesto di risorse così spinto, stona un po’ la presenza di una versione di Android abbastanza datata (Kit Kat 4.4), ma Acer rassicura: il telefono verrà aggiornato a Lollipop (Android 5.0) nel corso dell’anno. Il valore aggiunto a livello di user experience è comunque garantito dalla presenza di tutta una serie di risorse software della casa che fanno del Liquid Jade un terminale decisamente più personale rispetto ai terminali Android “stock”. Fra queste vale la pena sottolineare AcerExtend, l’applicazione per controllare a 360 gradi il telefono da PC Windows (via cavo o in modalità wireless), e AcerNAV, un software di navigazione offline fornito da TomTom che si interfaccia con TripAdvisor per segnalare i punti di interesse in Italia e all’estero, anche in modalità offline.

Acer Liquid Jade S IMG_6112 (Large)

Fabrice Come, regional manager della linea smartphone di Acer, presenta alla stampa italiana il nuovo Liquid Jade S – Credits: Roberto Catania

Acer Liquid Jade S arriva sul mercato in due colorazioni (nero e bianco) al prezzo di 299 euro; fra i modelli disponibili anche una variante con sistema ibrido microSD/dual nano-SIM che permette di utilizzare lo slot per le schede di memoria anche come sede per l’innesto di una seconda nano-SIM.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Acer: il PC si è fatto smart(phone)

Jason Chen, CEO di Acer, ci spiega la sua visione del mercato. E avverte i big del mobile: la vostra parabola sarà come quella degli (ex) giganti dei PC

Commenti