Acer Aspire 10
Smartphone & Tablet

Acer Aspire Switch 10, la nostra prova - Le foto

Buona durata della batteria, display interessante e un'efficace versatilità sono i punti di forza di un dispositivo ibrido dal prezzo aggressivo

Decidere di comprare un ibrido, un dispositivo 2-in-1, insomma un incrocio tra un pc e un tablet è già di per sé una prima scelta. Il passo successivo, quello cruciale, è trovare la dimensione dello schermo più adatta alle proprie esigenze. Gli 11,6 pollici, gettonati e ricorrenti nelle proposte dei produttori, sono una buona opzione se si vuole privilegiare il lato notebook, ma potrebbero risultare eccessivi, alla lunga scomodi, in mobilità. In modalità tavoletta. L’Aspire Switch 10 con i suoi 10,1 pollici si rivela un interessante compromesso con buone doti da esibire. 

 

Complice anche la dimensione non eccessiva del display, con la batteria si può arrivare a fine giornata. Certo, ovvio che le funzioni multimediali lo stressino parecchio di più rispetto alla semplice digitazione di testi, ma è una regola generale che non riguarda solo la macchina targata Acer. La cui tastiera, grazie a un pratico incastro magnetico, si aggancia e si sgancia con facilità estrema ed è riconosciuta all’istante. Lato sistema operativo, il duplice volto di Windows, più orientato al desktop in un caso, tutto touch nell’altro, è un incrocio che rende.

L’Aspire Switch 10, a seconda delle configurazioni, si trova in alcuni negozi on line anche a meno di 299 euro, niente male per un tablet che si crede computer e viceversa. Ovvio che si ottiene quello che si paga e non è lecito aspettarsi miracoli con editing video o giochi troppo complessi, ma nella navigazione sul web, nella stesura delle presentazioni, nei contenuti multimediali non è mai andato davvero a corto di fiato. Insomma, se quello che volete farne è un uso da utente medio, che dopo il lavoro ama concedersi un film, magari in treno di ritorno dall'ufficio, anche per il cartellino aggressivo è un’alternativa da tenere in considerazione in un segmento via via più affollato e non sempre all’altezza delle aspettative.    

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Parrot Zik, la nostra prova

Comandi touch invisibili, buone prestazioni, design di Philippe Starck e un accordatore d'eccezione: Lou Reed

Commenti