hacker password software spia
Sicurezza

Hacking Team, scoperte due falle di Adobe Flash

Fra le conseguenze dell'attacco alla società che produce software spia anche l'individuazione di vulnerabilità nei programmi usati da milioni di utenti

Adobe è già al lavoro per porre rimedio a due falle nel suo programma "Flash", evidenziate dall'attacco ad Hacking Team.

Flash è usato da milioni di utenti per visualizzare buona parte dei contenuti multimediali sul web.

Hacking Team è l'azienda che produce software spia per i governi di mezzo mondo, attaccata a sua volta da hacker la scorsa settimana.

Attacco che non solo ha provocato la fuga di documenti riservati e il furto dei codici sorgente del software stesso, ma sta evidenziando nuove vulnerabilità di programmi comunemente usati da milioni di utenti.

Il programma più noto fornito da Hacking Team, si chiama Remote Controlling System anche noto come Galileo, permette ai clienti di monitorare e controllare a distanza dispositivi elettronici, dai pc agli smartphone.

Spesso questo sistema, per infiltrarsi nei computer da intercettare, si serviva di falle informatiche contenute in programmi molto diffusi, come appunto Flash.

Lo sfruttamento di queste vulnerabilità, scrive Adobe riguardo le falle scoperte oggi, "potrebbe causare il 'crash'" dei sistemi e "potenzialmente permettere ad un aggressore di prendere controllo dei sistemi colpiti".

Gli aggiornamenti, precisa la società, "saranno disponibili questa settimana". Le due falle, seguono alle altre due scoperte la settimana scorsa e a cui Adobe ha già posto rimedio. Sono state evidenziate da due società di sicurezza, FireEye e Trend Micro.

Inoltre, secondo il sito The Register, pare che cybercriminali stiano già sfruttando almeno una di queste due falle per "infettare" i dispositivi.

Anche Microsoft, secondo il sito, sta lavorando alla correzione di una vulnerabilità, con una patch rivelata in Windows dopo l'attacco ad Hacking Team.

© Riproduzione Riservata

Commenti