Sicurezza

Jack Barnaby, hacker. Morto misteriosamente

Scompare una settimana prima di una dimostrazione alla Black Hat di Las Vegas. Troppi gli interrogativi sulla vicenda 

Credits: Jack Barnaby, YouTube

Sono passati sette mesi da quando il co-fondatore di Reddit e attivista del mondo informatico, Aaron Swartz, è morto. Alla notizia di un’altra giovane scomparsa nella giornata dello scorso venerdì, molti si sono chiesti se la vicenda potesse essere correlata a quella di Swartz. Barnaby Jack, il famoso hacker che aveva fatto impazzire le macchinette ATM ed esposto vari bug nei sistemi medici, è stato trovcato senza vita il 26 luglio a San Francisco. L’ultimo datore di lavoro di Jack, la IOActive In.c ha twittato così la notizia: “Lo abbiamo perso ma non dimentichiamo il nostro amato pirata”.

La Polizia sta indagando sulle dinamiche della morte che finora presenta tante questioni irrisolte che segnano ulteriormente il mondo dell’hacking. Barnaby era stato soprannominato “Jackpotting” per per aver dimostrato esattamente tre anni fa come fosse possibile hackerare i bancomat ATM sparsi in tutto il mondo installando un software (rootkit) appositamente creato per lo scopo. C’è da dire che il ragazzo aveva esposto il bug solo ad una conferenza pubblica e non ne aveva, almeno a quanto si sa, approfittato personalmente.

Ancora di più lo scorso anno aveva mostrato una falla di sicurezza in una pompa di insulina che gli ha permesso di hackerare il dispositivo da circa 300 metri di distanza riuscendo ad erogare l’ormone da lontano. “Non vogliamo che la gente perda la fiducia in questi dispositivi – aveva detto – ma di certo ogni minaccia, non importa quanto piccola sia, deve essere eliminata”. Anche il Governo degli Stati Uniti aveva notato l’abilità dell’hacker. "Il lavoro che Jack Barnaby ed altri hanno fatto per evidenziare alcune vulnerabilità ha contribuito al progresso nel campo" – aveva detto William Maisel, vice direttore per la scienza al Food and Drug Administration's Center for Devices and Radiological Health. Proprio in relazione al suo lavoro di “scovatore” di bug e minacce in una vasta gamma di dispositivi tecnologici potrebbe essere alla base della sua morte? È quasi da escludersi la pista del suicidio, questo vuol dire che qualcosa nella vita di Barnaby non andava bene o doveva essere eliminata.

 

Secondo Trey Ford, direttore generale della conferenza dedicata agli hacker Black Hat, il discorso del 1 agosto che avrebbe dovuto tenere Jack Barnaby non verrà sostituito (il suo nome è ancora tra i relatori ). “Abbiamo perso un membro della nostra famiglia – ha spiegato Ford a Bloomberg – e tutti siamo d’accordo che la sua figura e professionalità saranno insostituibili”. All'appuntamento di quest’anno Barnaby avrebbe effettuato una dimostrazione sulla capacità di violare pacemaker e defibrillatori interni: “Si potrebbe uccidere un uomo se solo si volesse”. Il mondo hacking ha perso una grande speranza per il futuro ma acquista un senso maggiore alla diffusione di criticità e problematiche legate all'utilizzo di apparecchiature tecnologiche e informatiche. 

 
© Riproduzione Riservata

Commenti