Reflex

Nikon Image Space: nasce il photo-sharing per il fotografo esigente

Un po’ Flickr, un po’ Dropbox: la casa giapponese annuncia il suo nuovo servizio per l'archiviazione, l'organizzazione e la condivisione degli scatti. Sostituirà my Picturetown

Nikon Image Space

– Credits: Nikon Rumors

Da Facebook a Flickr, da Instagram a 500px, da Photobucket a Picasa: per quale motivo dovremmo aver bisogno di un altro servizio di photo-sharing? Forse perché ancora non esiste uno spazio dedicato ai fotografi e ai fotoamatori più esigenti.

Nikon ne è convinta: gli utenti devono poter contare su un’area protetta dove salvare i propri scatti di qualità in tutta sicurezza. Qualcosa che stia a metà strada fra i classici servizi di file hosting (come Dropobox, SkyDrive e via dicendo) e i siti e le applicazioni di social photosharing (come appunto Flickr e Instagram).

Da qui l’idea di Nikon Image Space, un servizio tutto nuovo che permetterà a tutti i fotografi (non solo quelli che utilizzano una fotocamera Nikon) di salvare i propri scatti, organizzarli, visualizzarli e ovviamente condividerli attraverso i social network.

Il sito, che aprirà i battenti ufficialmente il prossimo 28 gennaio, nasce dalle ceneri di my Picturetown, progetto non proprio fortunatissimo lanciato dalla società giallo-nera più di cinque anni fa: "Ci siamo resi conto che era giunto il momento di una revisione completa", spiega Zurab Kiknadze, Product Manager europeo di Nikon Europe, che sottolinea la volontà di arrivare a "un servizio più intuitivo, divertente e facile da usare, nonché più integrato con i social network che piacciono alla maggior parte delle persone".

Nikon Image Space verrà proposto in due varianti secondo l’ormai collaudato modello “freemium”: una parte gratuita con 2 giga di spazio web corredata da alcune funzioni base e un account “special” con 20 Gb di spazio cloud e alcune feature avanzate, come ad esempio la possibilità di definire password e specifiche restrizioni per la condivisione delle immagini e il loro download.

Seguimi su Twitter: @TritaTech

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti